FameLab Catania, in corso le candidature 2021

banner famelab catania 2021Candidature aperte per partecipare alle selezioni locali di FameLab Italia, la competizione internazionale di comunicazione scientifica che ad aprile sarà ospitata, per il quinto anno consecutivo, dall'Università di Catania. Ma non è tutto. Come annunciato quest'inverno, per la prima volta Catania ospiterà anche la finale nazionale.

Secondo il format ormai consolidato dell'evento, i partecipanti hanno solo tre minuti per conquistare giudici e pubblico, parlando di un tema scientifico che li appassiona e raccontandolo con con chiarezza, esattezza e carisma. I primi due classificati delle selezioni locali si affronteranno nella finale nazionale del concorso, che decreterà il vincitore italiano che si confronterà con i concorrenti della finale internazionale durante il Cheltenham Science Festival.

La competizione è aperta a:

  • Docenti universitari in materie scientifiche, matematiche o ingegneristiche (compresi i docenti specialisti in materie scientifiche in possesso di laurea in ambito scientifico)
  • Ricercatori che utilizzano ricerche preesistenti o operanti nell’ambito dei meta-studies
  • Persone che lavorano nell’ambito delle scienze, tecnologie, matematica applicate (per esempio addetti ai brevetti, statistici, tecnici informatici, consulenti per l’industria)
  • Studenti universitari che studiano materie in ambito scientifico, matematico o ingegneristico (che abbiano compiuto il 18° anno di età)
  • Persone che operano nel settore scientifico, matematico o ingegneristico nelle forze armate o corpi governativi
  • Persone che svolgono professioni nel settore scientifico, matematico o ingegneristico in aziende private o pubbliche

Per partecipare a FameLab basta:

Scadenza:

  • lunedì 19 aprile 2021
Ultima modifica: 
05/03/2021 - 07:40

LEGGI ANCHE

La competizione conclusiva della decima edizione del talent della scienza per giovani ricercatori e studenti universitari si terrà nel mese di maggio 2021

Due gli esperti che quest'anno valorizzeranno l'iniziativa grazie al loro contributo scientifico: lo psichiatra Fabrizio Schifano (University of Hertfordshire) e l'astronomo Roberto Ragazzoni (Osservatorio Astronomico di Padova)