Laurea

Per conseguire il titolo di studio occorre superare una prova finale consistente nella redazione di uno o più elaborati o in una prova espositiva. 

studente togato sulla scalinata del monastero dei benedettini

Prova finale [punto 5 - Guida per gli studenti 2020/21]

La valutazione della prova finale è espressa in centodecimi e si considera superata se lo studente consegue la votazione di almeno 66/110, determinata dalla media dei voti espressi da ciascuno dei componenti della commissione. Il voto, oltre che della valutazione della prova, tiene conto delle valutazioni di profitto conseguite dallo studente nelle attività formative dell'intero corso di studio e di ogni altro elemento rilevante, in particolare:

  • della maturità culturale e della capacità di elaborazione intellettuale personale;
  • di eventuali esperienze internazionali.

Al candidato che ottiene il massimo dei voti, la commissione può attribuire la lode solo all'unanimità. La commissione di valutazione della prova finale per il conseguimento della laurea o della laurea magistrale è nominata dal presidente del consiglio del corso di studio, che la presiede (o designa un presidente al quale delega il conferimento dei titoli). Le commissioni sono composte, per le lauree magistrali e per le lauree magistrali a ciclo unico, da sette a 11 docenti dell'Ateneo, compresi i professori a contratto. Per le lauree, le commissioni possono essere composte da non meno di tre docenti. Il relatore, qualora non faccia parte della commissione, partecipa ai lavori limitatamente alla valutazione del candidato di cui ha guidato il lavoro.

Nel caso in cui lo studente non consegua il titolo entro un numero di anni pari al doppio della durata del corso di studio più uno, l'accesso alla prova finale può essere subordinato ad una verifica dei crediti conseguiti da più di sei anni, al fine di valutare la non obsolescenza delle conoscenze. In caso di verifica negativa, lo studente può essere tenuto al superamento di nuovi obblighi formativi, permanendo nello stato di studente fuori corso.

Prenotazione della prova finale

Il calendario delle prove finali prevede almeno tre sessioni e viene pubblicato in genere circa tre mesi prima della data di inizio della sessione. Per prenotarsi all’appello delle prove finali gli studenti devono seguire esclusivamente le procedure online dal Portale studenti. La procedura prevede i seguenti passaggi:

Il laureando:

  1. richiede l’assegnazione della tesi (online) al docente relatore, secondo le tempistiche stabilite dai singoli corsi di studio;
  2. compila la domanda online entro 2 mesi prima dell’apertura dell’appello;
  3. supera gli ultimi esami fino a 15 giorni prima dell’apertura dell’appello;
  4. invia file tesi in pdf/A 15 giorni prima dell’apertura dell’appello.

É possibile effettuare lo spostamento all’appello successivo previo annullamento della domanda precedente. Nel caso in cui lo spostamento comporti il passaggio all’anno successivo, sarà richiesto il pagamento di una nuova marca da bollo.

Il relatore:

  1. accetta o rifiuta la richiesta di assegnazione tesi;
  2. conferma file tesi 10 giorni prima dell’apertura dell’appello.

Laureandi

Gli studenti laureandi, cioè coloro che, al 12 ottobre 2020, si trovano nella posizione descritta al punto 1.8 della presente Guida, non sono tenuti ad iscriversi all’A.A. 2020-21, potendo sostenere gli esami di profitto mancanti e conseguire il titolo di studio fino al 30 aprile 2021 utilizzando l’iscrizione all’a.a. 2019/2020. Gli studenti laureandi che non conseguiranno il titolo entro il 30 aprile 2021 dovranno invece rinnovare l’iscrizione all’A.A. 2020-21 ed effettuare il pagamento della quota fissa (156 euro) e della prima rata di contributo, entrambe senza addebito di mora, entro il 30 aprile 2021. Per il calcolo del contributo sarà richiesto l’ISEE 2021 valido per le prestazioni per il diritto universitario che verrà acquisito, esclusivamente per questi studenti, senza il pagamento di alcuna mora o maggiorazione come previste al Punto 6.2

Gli studenti laureandi che conseguiranno il titolo prima del 31 maggio 2021 (scadenza della terza rata di contributo) non dovranno effettuare il pagamento della terza rata. Per tutti gli altri casi valgono le scadenze e le eventuali more previste al Punto 7.1

Laureandi iscritti con riserva alle lauree magistrali

Per i laureandi che alla data del termine ordinario di immatricolazione e iscrizione abbiano effettuato "iscrizione con riserva" ai corsi di laurea magistrale di durata biennale, il termine per regolarizzare l'iscrizione al 1° anno - a seguito del conseguimento del titolo - è fissato dai relativi Bandi e Avvisi di ammissione.

Diploma Supplement

Il diploma supplement (DS) è un documento integrativo del titolo conseguito al termine del corso di studi, sviluppato secondo un modello condiviso, per iniziativa della Commissione Europea, del Consiglio d'Europa e dell'Unesco. È una relazione informativa che descrive la natura, il livello, il contesto, il contenuto e lo status degli studi effettuati e completati dagli studenti. Il DS viene rilasciato al compimento degli studi, a titolo gratuito, in edizione bilingue, italiano e inglese, a partire dai laureati che hanno conseguito il titolo nel 2005 dei corsi di laurea, di laurea specialistica, di laurea magistrale e magistrale a ciclo unico secondo i DD.MM. 509/99 e 270/04.

Ammissione alla prova finale per studenti di corsi non più attivi

Nel caso in cui gli studenti risultino iscritti ad un corso di studio di vecchio ordinamento (ex D.M. 509/99 ed ex D.M. 270/04), da un numero di anni superiore al doppio più 1 della durata normale del corso, l’accesso alla prova finale per il conseguimento della laurea o della laurea magistrale può essere subordinato ad una verifica dei crediti conseguiti da più di 6 anni. La verifica è effettuata dal consiglio di corso di studio. In caso di verifica negativa, gli studenti possono essere tenuti al superamento di nuovi obblighi formativi, permanendo nello stato di studenti "fuori corso". 

Ultima modifica: 
08/07/2020 - 12:39