FameLab Catania, gli ospiti dell'edizione 2019

Anche quest'anno il contest FameLab Catania vedrà la partecipazione di alcuni ospiti speciali che valorizzeranno l'iniziativa grazie al loro contributo scientifico e alle capacità comunicative che metteranno in campo.

Saranno quattro i nomi che accompagneranno le pre-selezioni e la selezione finale dell'edizione 2019 di Famelab Catania: 

Giuseppe Persiano, docente di Informatica al Dipartimento di Scienze Aziendali, Università di Salerno. Dopo la laurea in scienze dell'Informazione Giuseppe Persiano ha conseguito master e dottorato in Computer Science all'Università di Harvard. La sua ricerca si concentra, in particolar modo, su crittografia e network security ma si interessa anche di teoria dei giochi e dinamiche dei sistemi complessi. Parteciperà alla prima pre-selezione che si terrà il 25 febbraio nell'aula magna del Dipartimento di Matematica e Informatica, e spiegherà alla platea: "Come spedire un diamante, in segreto!

Ivano Eberini, ricercatore di biochimica all’università di Milano. Ha pubblicato oltre 100 articoli su riviste scientifiche internazionali ed è titolare di brevetti internazionali per nuovi farmaci con potenziali proprietà terapeutiche nelle malattie neuro-degenerative. All'impegno scientifico ha affiancato quello di comunicatore sui nuovi e "vecchi" media, è stato ospite di RAI Radio3 (durante le trasmissioni "Radio3 Scienza" e "Le oche di Lorenz") e ha collaborato alla trasmissione "Mai stati meglio" di RAI Radio2, come consulente scientifico e come ospite fisso in onda. Fa parte della commissione comunicazione delle Società Italiana (SITOX) ed Europea di Tossicologia (EUROTOX) e di quella per la comunicazione sui social media del corso di laurea in Biotecnologia del Farmaco dell’università di Milano. Sarà ospite della pre-selezione del 26 febbraio al Dipartimento di Scienze biomediche e biotecnologiche, e discuterà di "Scienze e social: potenzialità e rischi"

Daria Guidetti, svolge la sua attività di ricerca all'Istituto Nazionale di Astrofisica, ha monitorato e scoperto diversi asteroidi. Dopo la laurea e il dottorato di ricerca in Astronomia, ha conseguito un master in Giornalismo e Comunicazione Istituzionale della Scienza. I suoi studi sono rivolti alle galassie e ai buchi neri. Si occupa di divulgazione e didattica con particolare attenzione al tema dei detriti spaziali e agli osservatori astronomici SKA e CTA. È autrice e conduttrice del programma TV "Destinazione Spazio" e collabora con giornali, riviste, radio, TV a diffusione nazionale. Durante la selezione finale del 28 febbraio al Dipartimento di Agricoltura Alimentazione e Ambiente, parlerà di "Bellezze e sporcizia nell'Universo. Scoprirle su RadioAstronomia!"

Andrea Mameli, lavora al Centro di ricerca, sviluppo e studi superiori in Sardegna (CRS4). Ha condotto ricerche in diversi campi tra cui: tecnologie ICT per la comunicazione e la formazione, e comunicazione dell'energia e della sostenibilità. È responsabile del Programma Comunicazione del CRS4. Si è laureato in Fisica all'Università di Cagliari e ha conseguito un master in Comunicazione della Scienza. Si occupa di comunicazione della scienza attraverso molteplici modalità di presentazione e di interazione ha vinto il Premio Smau di Giornalismo Scientifico e cura il blog di divulgazione scientifica e di critica tecnologica linguaggiomacchina.  Lo scorso anno ha coordinato il progetto divulgativo del CRS4 "Lab Boat, navigare con la Scienza". Insieme a Daria Guidetti sarà ospite della selezione finale del 28 febbraio al Dipartimento di Agricoltura Alimentazione e Ambiente, durante la quale affronterà il tema della  "Scienza sostenibile".

Ultima modifica: 
21/02/2019 - 10:33

LEGGI ANCHE

Tornano a Catania le selezioni locali della gara tra giovani scienziati con il talento della comunicazione. Candidature aperte a ricercatori e studenti tra i 18 e i 41 anni

C'è tempo fino all'11 febbraio 2019 per iscriversi all'edizione catanese del talent show della scienza 

Catania è uno dei tre atenei italiani che sperimentano il nuovo format nel quale sono coinvolti gli alunni delle scuole superiori

Domani il secondo appuntamento con le selezioni del talent per giovani comunicatori scientifici