FameLab Catania, gli ospiti dell'edizione 2019

Anche quest'anno il contest FameLab Catania vedrà la partecipazione di alcuni ospiti speciali che valorizzeranno l'iniziativa grazie al loro contributo scientifico e alle capacità comunicative che metteranno in campo.

Saranno quattro i nomi che accompagneranno le pre-selezioni e la selezione finale dell'edizione 2019 di Famelab Catania: 

Giuseppe Persiano, docente di Informatica al Dipartimento di Scienze Aziendali, Università di Salerno. Dopo la laurea in scienze dell'Informazione Giuseppe Persiano ha conseguito master e dottorato in Computer Science all'Università di Harvard. La sua ricerca si concentra, in particolar modo, su crittografia e network security ma si interessa anche di teoria dei giochi e dinamiche dei sistemi complessi. Parteciperà alla prima pre-selezione che si terrà il 25 febbraio nell'aula magna del Dipartimento di Matematica e Informatica, e spiegherà alla platea: "Come spedire un diamante, in segreto!

Ivano Eberini, ricercatore di biochimica all’università di Milano. Ha pubblicato oltre 100 articoli su riviste scientifiche internazionali ed è titolare di brevetti internazionali per nuovi farmaci con potenziali proprietà terapeutiche nelle malattie neuro-degenerative. All'impegno scientifico ha affiancato quello di comunicatore sui nuovi e "vecchi" media, è stato ospite di RAI Radio3 (durante le trasmissioni "Radio3 Scienza" e "Le oche di Lorenz") e ha collaborato alla trasmissione "Mai stati meglio" di RAI Radio2, come consulente scientifico e come ospite fisso in onda. Fa parte della commissione comunicazione delle Società Italiana (SITOX) ed Europea di Tossicologia (EUROTOX) e di quella per la comunicazione sui social media del corso di laurea in Biotecnologia del Farmaco dell’università di Milano. Sarà ospite della pre-selezione del 26 febbraio al Dipartimento di Scienze biomediche e biotecnologiche, e discuterà di "Scienze e social: potenzialità e rischi"

Daria Guidetti, svolge la sua attività di ricerca all'Istituto Nazionale di Astrofisica, ha monitorato e scoperto diversi asteroidi. Dopo la laurea e il dottorato di ricerca in Astronomia, ha conseguito un master in Giornalismo e Comunicazione Istituzionale della Scienza. I suoi studi sono rivolti alle galassie e ai buchi neri. Si occupa di divulgazione e didattica con particolare attenzione al tema dei detriti spaziali e agli osservatori astronomici SKA e CTA. È autrice e conduttrice del programma TV "Destinazione Spazio" e collabora con giornali, riviste, radio, TV a diffusione nazionale. Durante la selezione finale del 28 febbraio al Dipartimento di Agricoltura Alimentazione e Ambiente, parlerà di "Bellezze e sporcizia nell'Universo. Scoprirle su RadioAstronomia!"

Andrea Mameli, lavora al Centro di ricerca, sviluppo e studi superiori in Sardegna (CRS4). Ha condotto ricerche in diversi campi tra cui: tecnologie ICT per la comunicazione e la formazione, e comunicazione dell'energia e della sostenibilità. È responsabile del Programma Comunicazione del CRS4. Si è laureato in Fisica all'Università di Cagliari e ha conseguito un master in Comunicazione della Scienza. Si occupa di comunicazione della scienza attraverso molteplici modalità di presentazione e di interazione ha vinto il Premio Smau di Giornalismo Scientifico e cura il blog di divulgazione scientifica e di critica tecnologica linguaggiomacchina.  Lo scorso anno ha coordinato il progetto divulgativo del CRS4 "Lab Boat, navigare con la Scienza". Insieme a Daria Guidetti sarà ospite della selezione finale del 28 febbraio al Dipartimento di Agricoltura Alimentazione e Ambiente, durante la quale affronterà il tema della  "Scienza sostenibile".

Ultima modifica: 
21/02/2019 - 10:33

LEGGI ANCHE

Tornano a Catania le selezioni locali della gara tra giovani scienziati con il talento della comunicazione. Candidature aperte a ricercatori e studenti tra i 18 e i 41 anni

C'è tempo fino all'11 febbraio 2019 per iscriversi all'edizione catanese del talent show della scienza 

Catania è uno dei tre atenei italiani che sperimentano il nuovo format nel quale sono coinvolti gli alunni delle scuole superiori