Coronavirus / Misure in vigore dal 1° settembre 2021 per le attività universitarie

palazzo centraleCon il decreto legge 6 agosto 2021, n.111, il Governo ha adottato misure urgenti per l'avvio dell'anno accademico 2021-2022 alla luce del nuovo contesto del quadro epidemiologico e dell'andamento del piano vaccinale.

Il decreto legge stabilisce che le attività didattiche e curriculari delle università sono svolte prioritariamente in presenza e che, a decorrere dal 1° settembre 2021 e fino al 31 dicembre 2021, il personale universitario (docenti, tecnici, amministrativi e il rimanente personale comunque denominato) e gli studenti universitari - per la partecipazione alle attività didattiche e curriculari in presenza - devono possedere e sono tenuti ad esibire la certificazione verde COV1D-19

Per il personale universitario, il mancato rispetto di tali disposizioni è considerato assenza ingiustificata e, a decorrere dal quinto giorno di assenza, il rapporto di lavoro è sospeso e non sono dovuti la retribuzione né altro compenso o emolumento. L'obbligo del possesso della certificazione verde COVID–19 non si applica a coloro che sono esenti dalla campagna vaccinale, sulla base di idonea certificazione medica rilasciata secondo i criteri definiti con circolare del Ministero della Salute.

Ultima modifica: 
21/09/2021 - 19:43

Notizie correlate

Lezioni, esami e lauree in presenza: le misure per il contenimento e la gestione dell'emergenza epidemiologica in vigore da venerdì 1° ottobre 2021

Capienza aule elevata al 100% con prenotazione del posto e tracciamento degli utenti obbligatori

Le misure per il contenimento e la gestione dell'emergenza epidemiologica in vigore da lunedì 10 gennaio 2022