Governo del territorio, sicurezza ambientale e prevenzione della corruzione

Anno accademico: 
2016/2017
Area tematica: 
Scientifica
Livello: 
Secondo
Durata: 
12 mesi
Crediti: 
60
Costo: 
€ 2.058,00
Posti disponibili: 
30
Scadenza bando: 
Venerdì, 28 Aprile 2017

CARATTERISTICHE

Obiettivi formativi: 

Il Master universitario di II livello in “Governo del territorio, sicurezza ambientale e prevenzione della corruzione” si propone, oltre una riflessione generale sulla disciplina nazionale e comunitaria di settore, di dotare i corsisti di un bagaglio di conoscenze tecnico-giuridiche in un contesto specifico che acquisisce crescente rilievo nello scenario ordinamentale interno per via, non solo della progressiva influenza della normativa comunitaria, ma anche della sensibilizzazione pubblica sul tema della sicurezza ambientale e della tutela nei confronti dei diffusi fenomeni corruttivi che investono il governo del territorio.

Il percorso specialistico che si intende attivare, pertanto, mira ad assicurare una formazione avanzata ed altamente qualificata a favore di coloro i quali vogliono acquisire ovvero consolidare un percorso professionale in tale ambito.

Ciò consentirà, peraltro,

1) a quanti operano nelle amministrazioni pubbliche o nella realtà privata di implementare l’attitudine alle relazioni fra attori pubblici e privati operanti sul territorio, anche attraverso la condivisione delle  competenze acquisite, l’approfondimento di materie di comune interesse e la sperimentazione di specifici strumenti di governance;

2) a quanti intendano prepararsi per assumere ruoli di responsabilità nelle strutture pubbliche o private operanti in tale contesto, di conciliare l’apprendimento teorico con l’acquisizione di competenze operative, principalmente mediante la condivisione di esperienze con chi già svolge funzioni qualificate in organismi di tal guisa.

Il Master fornisce ai partecipanti le metodologie e gli strumenti necessari per interpretare i cambiamenti che coinvolgono le amministrazioni e gli organismi operanti a livello territoriale promuovendo il coordinamento e la collaborazione interistituzionale tra i soggetti pubblici, nonché fra questi ultimi e quelli privati e valorizzando le competenze acquisite anche in prospettiva della partecipazione a procedure concorsuali od in vista di progressioni di carriera.
Prospettive occupazionali: 

Il Master è destinato a formare, aggiornare e perfezionare professionisti, consulenti ed operatori del settore chiamati a ricoprire ruoli di responsabilità nell’elaborazione, esecuzione e valutazione dei programmi di sviluppo territoriale che siano il risultato di determinazioni ponderate e sicure sul fronte della compatibilità ambientale ed assolutamente “inattaccabili” sul piano della conformità alla normativa vigente ed alle linee guida dell’Autorità Nazionale Anticorruzione.

Esso è rivolto, in particolare, a tutti coloro i quali (funzionari pubblici e liberi professionisti) sono interessati ai profili teorici e pratici della governance territoriale ed ai risvolti che le scelte concernenti quest’ultima possono avere sul fronte dello sviluppo e della sicurezza sostenibili, consentendo ai partecipanti di acquisire un ruolo chiave anche in termini di sostegno giuridico-scientifico a favore dei soggetti direttamente chiamati a compiere scelte in siffatti contesti. 

Struttura proponente: 
Struttura Didattica Speciale in Architettura di Siracusa

ACCESSO E ISCRIZIONE

Titoli di accesso: 

Possono partecipare al Master coloro i quali siano in possesso di laurea specialistica/magistrale o Laurea quadriennale (vecchio ordinamento) conseguita secondo gli ordinamenti didattici anteriori al D.M. n.509/99 e 270/04, in: Architettura, Giurisprudenza, Economia, Ingegneria, Geologia, Sociologia, Salvaguardia del territorio dell’Ambiente e del Paesaggio, Scienze delle Pubbliche Amministrazioni.

Modalità di selezione: 

Titoli ed eventuale colloquio

Data di pubblicazione della graduatoria: 
Venerdì, 5 Maggio 2017
Termine iscrizione: 
Venerdì, 12 Maggio 2017

DIDATTICA

Articolazione in ore: 
n. 403 ore di didattica frontale, esercitazioni e studio guidato; n. 300 ore di stage e tirocini per la formazione extra aula; n. 797 ore di studio personale comprensive di 100 ore per la preparazione della prova finale.
Frequenza obbligatoria: 
La frequenza è obbligatoria. È consentito un massimo di assenze pari al 20% del monte ore complessivo delle varie attività previste dal master
Piano didattico: 

Il Master prevede 6 insegnamenti, ognuno dei quali articolato in moduli riguardanti discipline affini, secondo la seguente ripartizione:

I. Governo del territorio e diritto dell’ambiente

  • Governo del territorio, pianificazione urbanistica e sviluppo sostenibile
  • I procedimenti di pianificazione territoriale ed urbanistica
  • Governo del territorio ed ambiente nella prospettiva costituzionale e nello scenario comunitario

II. Amministrazione e gestione delle risorse ambientali

  • Il principio di precauzione negli strumenti di pianificazione e di valorizzazione ambientale
  • Strumenti di pianificazione e di valorizzazione ambientali
  • I procedimenti di VIA, VAS, AIA e valutazione di incidenza ambientale

III. Il danno ambientale nel diritto civile, penale ed amministrativo

  • Inquinamento atmosferico ed elettromagnetico
  • La gestione delle acque e dei rifiuti
  • La tutela dell’ambiente nella giurisprudenza della Corte Costituzionale e della Corte dei Conti
  • Il principio civilistico “chi inquina paga”
  • I reati ambientali 

IV. Trasparenza e prevenzione della corruzione nel governo del territorio

  • Riforma della pubblica amministrazione, evoluzione dei controlli e strumenti di prevenzione della corruzione
  • Il ruolo e le funzioni dell’A.N.AC. nella prevenzione della corruzione
  • I delitti di corruzione tra prevenzione e repressione
  • Corruzione e giudizio contabile: il ruolo della Corte dei Conti

V. Pianificazione territoriale, appalti pubblici e prevenzione della corruzione

  • La prevenzione della corruzione nelle procedure per la regolazione e per la  realizzazione delle opere pubbliche
  • Gli obblighi di trasparenza nelle procedure di affidamento degli appalti pubblici ed il ruolo della Camera arbitrale per i contratti pubblici

VI. Ambiente e prevenzione della corruzione

  • Analisi del rischio ambientale e prevenzione della corruzione
  • La prevenzione della corruzione in materia ambientale attraverso l’esercizio del diritto di accesso e la partecipazione
  • Il diritto all’informazione ambientale in chiave di prevenzione alla corruzione