Scienze e lingue per la comunicazione

Anno accademico: 
2019/2020
Tipo di corso: 
laurea
Struttura didattica di riferimento: 
Dipartimento di Scienze Umanistiche
Accesso: 
programmato locale
Classe: 
L-20 Scienze della comunicazione
Lingua in cui si tiene il corso: 
italiano
Sede: 
Catania

IL CORSO DI STUDIO IN BREVE

Il corso di studi in Scienze e lingue per la comunicazione offre una formazione di base sia teorico-metodologica sia applicata sui principali mezzi, generi e formati della comunicazione nella società contemporanea. Il corso è articolato in due curricula

  • il curriculum Scienze della comunicazione fornisce conoscenze di base indispensabili nel campo della comunicazione in generale; per la gestione dei mezzi di comunicazione di massa; per l'analisi, la progettazione e l'applicazione di modalità comunicative nei settori dello spettacolo e delle imprese di comunicazione audiovisiva, multimediale e interattiva.
  • il curriculum Lingue per la comunicazione internazionale fornisce conoscenze di base indispensabili alla comunicazione internazionale; competenze di ricezione e produzione dell'italiano, dell'inglese e di una seconda lingua europea. Si propone inoltre di sviluppare competenze nella interpretazione e gestione dei processi di significazione e comunicazione, sia in generale sia in riferimento alle realtà dei Paesi di cui si approfondisce lo studio della lingua.

Entrambi i curricula mirano a sviluppare le capacità di analizzare criticamente e di usare i mass media tradizionali e i nuovi media: comunicazione giornalistica, radiofonica e televisiva, videoscrittura on- e off-line, uso di software per il trattamento di file audio e video, costruzione di reti internet e intranet.

Il piano didattico prevede insegnamenti che ricadono in tre principali aree: 

  • un'area teorico-generale, nella quale si forniscono i fondamenti delle scienze del linguaggio, della semiotica, della sociologia, della antropologia, della geografia, della storia, dell'economia, del diritto; 
  • un'area metodologica, nella quale si offrono gli strumenti linguistici, semiotici e sociologici di base necessari a comprendere e interpretare i vari campi della comunicazione contemporanea,; 
  • un'area applicativa, nella quale si fornisconoo le competenze di base nelle principali lingue europee, specie in inglese, necessarie nel progettare testi destinati alla pubblicità, ai media tradizionali (stampa, radio, televisione) e ai nuovi media (siti web, social media, comunità virtuali); così come competenze informatiche per progettare ed elaborare testi digitali e contenuti destinati al web. 

Durante il triennio si tengono vari laboratori nei quali si ha l'opportunità di entrare in contatto diretto con il mondo delle professioni; si svolgono inoltre seminari e conferenze tenute da imprenditori, manager e professionisti che operano nel mondo della comunicazione nazionale e internazionale. Gli studenti hanno anche l'opportunità di fare esperienze di studio all'estero tramite i progetti Erasmus e di svolgere tirocini curricolari presso aziende, organizzazioni e amministrazioni pubbliche, che permettono loro di sperimentare direttamente il contatto con il mondo del lavoro in vista della loro futura attività professionale.

OBIETTIVI FORMATIVI

Il corso di studi in "Scienze e lingue per la comunicazione" si propone da un lato di fornire conoscenze generali teorico-metodologiche di base indispensabili nel campo della comunicazione culturale, per la gestione dei mezzi di comunicazione di massa, per l'analisi la progettazione e l'applicazione di modalità comunicative nei settori dello spettacolo (cinema, musica e teatro) e delle imprese di comunicazione audiovisiva, multimediale e interattiva; dall'altro di fornire conoscenze di base indispensabili alla comunicazione internazionale, competenze di ricezione e produzione scritta e orale - sostenute da adeguato inquadramento metalinguistico - dell'italiano, dell'inglese e di una seconda lingua europea.

Si propone altresì di formare competenze nella interpretazione e gestione dei processi di significazione e comunicazione sia in generale - relativamente alla comprensione dei loro meccanismi profondi - sia in riferimento alle realtà storico-culturali, sociologiche, geografiche e antropologiche dei Paesi di cui si approfondisce lo studio di lingue e culture, grazie agli strumenti attinenti all'economia, al diritto europeo e alla sociologia generale e della cultura. Entrambe le declinazioni, espresse in differenti curricula, mirano a sviluppare nello studente le capacità di uso delle nuove tecnologie (comunicazione radiofonica e televisiva, videoscrittura on e offline, uso di software per il trattamento di file audio e video, costruzione di reti internet) e preparano a sbocchi di marcata valenza comunicativa: dal giornalismo ai sistemi editoriali, dalla comunicazione pubblica e d'impresa alla pubblicità, dalla teoria della comunicazione alle aree operative delle società dell'informazione. 

Il corso prevede lo sviluppo del percorso formativo nelle lauree magistrali, con particolare riferimento alle lauree magistrali di classe LM-65 "Comunicazione della cultura e dello spettacolo" e di classe LM-38 "Lingue per la cooperazione internazionale", o una prosecuzione degli studi con Master di 1° livello.

SBOCCHI PROFESSIONALI

I principali profili professionali e prospettive occupazionali per i laureati del corso di studio sono: 

  • Addetto alle pubbliche relazioni
  • Tecnico della vendita e della distribuzione
  • Organizzatore di fiere, convegni e eventi culturali
  • Web communication manager, digital media manager, web content manager, social media manager (progettazione e/o gestione e manutenzione di sit web e pagine social, promozione su Internet del sito e/o della pagina social)
  • Traduttore per il web
  • Operatore nell'ambito del Turismo culturale 
  • Consulente editoriale e culturale

Classificazione Istat delle professioni

  • Tecnici delle trasmissioni radio-televisive - (3.1.2.6.2)
  • Tecnici dell'acquisizione delle informazioni - (3.3.1.3.1)
  • Intervistatori e rilevatori professionali - (3.3.1.3.2)
  • Tecnici del marketing - (3.3.3.5.0)
  • Tecnici della pubblicità - (3.3.3.6.1)
  • Tecnici delle pubbliche relazioni - (3.3.3.6.2)
  • Organizzatori di fiere, esposizioni ed eventi culturali - (3.4.1.2.1)
  • Organizzatori di convegni e ricevimenti - (3.4.1.2.2)
  • Tecnici dell'organizzazione della produzione radiotelevisiva, cinematografica e teatrale - (3.4.3.2.0)
  • Tecnici dei musei - (3.4.4.2.1)
  • Tecnici delle biblioteche - (3.4.4.2.2)