Università di Catania
Seguici su
Cerca

Psicologia

Anno accademico: 
2022/2023
Tipo di corso: 
laurea magistrale
Struttura didattica di riferimento: 
Dipartimento di Scienze della Formazione
Accesso: 
programmato locale
Classe: 
LM51 - Psicologia
Lingua in cui si tiene il corso: 
italiano
Sede: 
Catania

Il corso di studio in breve

Il corso di laurea magistrale in Psicologia prepara, ad un livello specialistico rispetto al corso di primo livello, alla professione psicologica, nelle diverse aree in cui essa può essere esplicata: psicologia cognitiva, psicobiologia, psicologia scolastica e dell'educazione e dinamico-clinica, con particolare riferimento alle recenti acquisizioni delle neuroscienze e alle loro applicazioni nella riabilitazione cognitiva ed emotiva.

Dall'a.a. 2015-2016 vengono proposti due curriculi formativi, differenziati a livello di didattica frontale, laboratori, seminari integrativi, tirocini pratici:

  • Curriculo A: Clinico-riabilitativo;
  • Curriculo B: Giuridico-sociale-istituzionale.

Lo studente avrà la possibilità di personalizzare quanto più possibile il proprio curriculum, inserendo discipline opzionali coerenti con il suo progetto formativo-professionale e optando per discipline appartenenti anche al curriculo alternativo (A oppure B). 
Tale scelta è comunque del tutto autonoma, senza limitazioni o riduzioni della effettiva opzionalità, anche tra le offerte formative di altri corsi o dipartimenti, purché coerenti con il profilo professionale proprio dello psicologo.

Il corso, previo tirocinio post-lauream e superamento dell'esame di abilitazione in base alle leggi vigenti, consente l'iscrizione all'Albo sezione A dell'Ordine degli Psicologi.

Obiettivi formativi

Il corso di laurea magistrale in Psicologia mira alla formazione della figura professionale di psicologo esperto negli ambiti di base della disciplina, ma anche preparato sugli aspetti applicativi di essa, mediante l’articolazione in due curricula opzionali:

  • il curriculo A (clinico-riabilitativo), finalizzato allo sviluppo di conoscenze e competenze specialistiche negli ambiti della psicologia clinica e riabilitativa;
  • il curriculo B (giuridico-sociale-istituzionale), focalizzato sull’ampliamento delle conoscenze e competenze riguardanti gli ambiti della psicologia applicata nelle diverse istituzioni sociali (organizzazioni, comunità, scuola, ecc.).

In entrambi i percorsi curriculari ampio spazio è dato agli aspetti metodologici, agli strumenti di indagine psicologica ed ai test psicometrici, oltre che ai sistemi di elaborazione delle informazioni utili per le applicazioni psicologiche e alla lingua inglese scientifica. Vengono approfondite anche aree interdisciplinari utili per il lavoro dello psicologo, quali l’educazione degli adulti e, per l’ambito giuridico, la criminologia e la diagnostica forense. Oltre alle attività formative tradizionali, i laboratori, seminari specialistici e le attività pratiche guidate realizzate in Enti ed Istituzioni in cui lo psicologo svolge il proprio lavoro rappresentano i punti di forza della formazione accademica offerta da questo corso di laurea magistrale. L’ordinamento e il piano di studi sono strutturati in modo da rispettare i criteri della certificazione Europsy, consentendo al laureato di accedere a questa attestazione internazionale.

Sbocchi professionali

Tra gli sbocchi occupazionali il corso di laurea in Psicologia forma nei principali settori applicativi della psicologia e contesti lavorativi, quali:

  • la psicologia scolastica e della formazione;
  • la psicologia della riabilitazione, dell'handicap e delle disabilità cognitive, sia evolutive sia acquisite in età adulta (esiti di traumi, disturbi neurologici e psichiatrici, ecc.);
  • la psicologia giuridico-forense;
  • la psicologia applicata ad ambiti istituzionali e organizzativi.

I due curricula opzionali sono finalizzati alla specializzazione in questi settori dove la domanda di lavoro specializzato nell'ambito della professione psicologica è in forte sviluppo. Il Corso di laurea magistrale in Psicologia diverrà abilitante alla professione di psicologo e, nello specifico, di psicologo dello sviluppo e dell'educazione, psicologo del lavoro e delle organizzazioni, psicologo clinico e psicoterapeuta (quest’ultimo titolo derivante dal conseguimento della qualifica presso le Scuole di Specializzazione in Psicoterapia di differente orientamento). L’esercizio della professione è regolamentato dall’iscrizione all’Albo Professionale degli Psicologi.

Classificazione Istat delle professioni

  • Psicologi clinici e psicoterapeuti - (2.5.3.3.1)
  • Psicologi dello sviluppo e dell'educazione - (2.5.3.3.2)
  • Psicologi del lavoro e delle organizzazioni - (2.5.3.3.3)