Bonus eccellenze per l’inserimento lavorativo dei laureati

La legge di bilancio 2019 ha previsto l’istituzione di una misura finalizzata a facilitare l’inserimento lavorativo dei laureati eccellenti in uscita da percorsi universitari magistrali o dottorati di ricerca.

Destinatari della misura sono i datori di lavoro che, nel periodo dal 1° gennaio 2019 e fino al 31 dicembre 2019, assumono giovani in possesso di laurea magistrale o di un dottorato di ricerca che abbiano conseguito la laurea o il dottorato con la massima votazione entro la durata legale del corso di studi.

Ai datori di lavoro privati è riconosciuto un incentivo, sotto forma di esonero dal versamento dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro, con esclusione dei premi e contributi dovuti all’INAIL, per un periodo massimo di dodici mesi decorrenti dalla data di assunzione, nel limite massimo di 8.000 euro per ogni assunzione effettuata.

I requisiti per poter richiedere ad un'azienda l'assunzione "agevolata":

  • laurea magistrale, conseguita, nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2018 e il 30 giugno 2019, con votazione di 110 e lode e con una media ponderata di almeno 108/110 entro la durata legale del corso di studi e prima del compimento del trentesimo anno di età, in università statali o non statali legalmente riconosciute;
  • dottorato di ricerca, conseguito nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2018 e il 30 giugno 2019 e prima del compimento del trentaquattresimo anno di età, in università statali o non legalmente riconosciute.

L’agevolazione si può applicare anche agli accordi di trasformazione di rapporti di lavoro a termine in contratti a tempo indeterminato, intervenuti sempre nel corso del 2019.

Ultima modifica: 
23/05/2019 - 13:05