Economia aziendale

Anno accademico: 
2019/2020
Tipo di corso: 
laurea
Struttura didattica di riferimento: 
Dipartimento di Economia e Impresa
Accesso: 
programmato locale
Classe: 
L-18 Scienze dell'economia e della gestione aziendale
Lingua in cui si tiene il corso: 
italiano
Sede: 
Catania

IL CORSO DI STUDIO IN BREVE

A partire dall'a.a. 2019/2020, il corso di laurea in Economia aziendale prevede al terzo anno due percorsi formativi, uno in "Amministrazione e Controllo", un altro in "Management", che risultano differenziati fra loro per contenuti delle discipline aziendali. Dal punto di vista delle finalità formative, il corso ha l'obiettivo specifico di formare un laureato, in possesso di conoscenze aziendali nell'amministrazione e controllo o nel management, capace di applicare, con rigore metodologico, le conoscenze, le abilità e le competenze utili per governare - rispetto a un ampio spettro di aziende (pubbliche e private; manifatturiere e di servizi; di piccole, medie e grandi dimensioni; esistenti e start up) - le attività contabili, gestionali e organizzative.

I laureati in Economia aziendale sono pertanto in grado di presidiare una varietà di saperi multidisciplinari nelle aree dell'economia aziendale e dell'economia e gestione delle imprese, delle discipline dell'economia e del diritto in senso ampio, nonché dei metodi quantitativi, utili a rappresentare le strutture e le dinamiche aziendali, i fenomeni economici, i processi tipici e le principali attività d'impresa. In particolare, poi, il laureato acquisisce una conoscenza delle diverse discipline aziendali, nell'amministrazione e controllo oppure nel management, con particolare riferimento agli ambiti di attività economica in cui operano le aziende, sia esistenti che di nuova costituzione; alle finalità, ai principi e ai modelli di funzionamento aziendali; alle modalità di controllo dei processi di natura contabile, gestionale e organizzativa ed è in grado di acquisire competenze trasversali come le capacità relazionali e comunicative, la capacità del lavoro in gruppo e l'interesse per l'investigazione, considerati rilevanti per il funzionamento delle aziende.

L'intero percorso formativo, declinato a partire dal terzo anno nei due indirizzi dell'amministrazione e controllo e del management, si articola in attività che privilegiano un approccio culturale basato su discipline di tipo aziendale, economico, giuridico e statistico-matematico. Inoltre, il percorso formativo più generale prevede una varietà di attività formative (grappoli di insegnamenti a scelta tra le attività caratterizzanti e integrative; due insegnamenti a scelta libera; una lingua straniera, stage, tirocini formativi e di orientamento e/o ulteriori attività formative, prova finale, nonché la possibilità di partecipare a periodi di formazione e di tirocinio all'estero) in cui lo studente può declinare ulteriormente i due percorsi formativi riguardanti il proprio piano di studi in funzione degli obiettivi conoscitivi e professionali che intende conseguire. Il percorso didattico prevede il superamento di venti esami nell'arco di tre anni accademici con il raggiungimento di 180 CFU.

OBIETTIVI FORMATIVI

Il corso in Economia Aziendale ha l'obiettivo specifico di formare un laureato capace di applicare, con rigore metodologico, le conoscenze e le competenze utili per governare - in un ampio spettro di aziende (pubbliche e private; manifatturiere e di servizi; di piccole, medie e grandi dimensioni) - le attività contabili, gestionali e organizzative inerenti le diverse strutture aziendali, sia operanti da tempo sia di nuova costituzione, che in questo caso può anche concorrere ad avviare.

In particolare, i laureati in Economia Aziendale devono: presidiare una varietà di saperi multidisciplinari nelle diverse aree dell'economia aziendale, del management, dell'economia e del diritto, nonché dei metodi quantitativi, utili a rappresentare, sia in modo olistico che da diverse prospettive di osservazione, le strutture e le dinamiche aziendali, i fenomeni economici, i processi tipici e le principali attività d'impresa; possedere una conoscenza, sia generalista che specialistica, delle diverse discipline aziendali, con particolare riferimento: agli ambiti di attività economica in cui operano le aziende; alle finalità, ai principi e ai modelli di funzionamento aziendali; alle modalità di controllo dei processi di natura contabile, gestionale ed organizzativa; acquisire competenze più specifiche, come le capacità relazionali, del lavoro in gruppo e dell'interesse per l'investigazione, considerate rilevanti per il funzionamento delle aziende, declinabili in contesti diversi ed attività professionali qualificate.

Per conseguire gli obiettivi formativi precedentemente descritti, il percorso formativo è articolato in percorsi formativi, rivolti all'approfondimento delle tematiche legate alla amministrazione e al controllo delle aziende e della gestione e del management. 
Il percorso didattico, che prevede il superamento di venti esami nell'arco di tre anni accademici con il raggiungimento di 180 CFU si sviluppa, preliminarmente, su una serie di insegnamenti di carattere interdisciplinare che costituiscono il fondamento conoscitivo del processo di apprendimento. Ad essi si affianca nell'ultimo anno l'adesione ad uno dei percorsi formativi. 
Il percorso formativo è comune a tutti gli iscritti nei primi 2 anni. 
Il terzo anno si articola nei percorsi formativi specifici e si caratterizza per una maggiore presenza di discipline economico-aziendali nelle varie specificità di funzionalità e contesto. 

Il corso di laurea in Economia aziendale prevede attività collaterali di ausilio:

  • attività di tutorato didattico per gli insegnamenti con più alta affluenza;
  • seminari professionalizzanti aperti a tutti gli studenti;
  • servizio di tutorato realizzato da studenti senior;
  • attività di internazionalizzazione realizzata attraverso periodi di studio all'estero;
  • attività di tirocinio in aziende italiane e/o estere;
  • laboratorio sperimentale di assistenza didattica, per migliorare le performance dello studio individuale degli studenti, in particolare dei fuori corso;
  • seminari di informazione e di orientamento sulle modalità̀ di redazione dell'elaborato di prova finale;
  • seminari di informazione e di orientamento sulle modalità di studio delle discipline per il superamento degli esami.

Il Regolamento del corso di studio e la Sua-cds indicano gli insegnamenti impartiti e la loro distribuzione per ciascuno dei tre anni e dei semestri all'interno dei singoli anni. A livello di singoli insegnamenti, ogni aspetto relativo alla didattica (obiettivi e descrizione del corso, contenuti, risorse, materiale didattico - testi, articoli, casi, report - approccio all'insegnamento, tipo di impegno richiesto agli studenti, calendario delle lezioni, modalità e frequenza di valutazione dello studente, valutazione del docente da parte dello studente) è specificato nel Syllabus.

SBOCCHI PROFESSIONALI

Classificazione Istat delle professioni

  • Tecnici della produzione di servizi - (3.1.5.5.0)
  • Segretari amministrativi e tecnici degli affari generali - (3.3.1.1.1)
  • Contabili - (3.3.1.2.1)
  • Tecnici dell'organizzazione e della gestione dei fattori produttivi - (3.3.1.5.0)
  • Tecnici della gestione finanziaria - (3.3.2.1.0)
  • Tecnici del lavoro bancario - (3.3.2.2.0)
  • Responsabili di magazzino e della distribuzione interna - (3.3.3.2.0)
  • Tecnici della vendita e della distribuzione - (3.3.3.4.0)
  • Tecnici del marketing - (3.3.3.5.0)
  • Tecnici della pubblicità - (3.3.3.6.1)
  • Tecnici delle pubbliche relazioni - (3.3.3.6.2)
  • Controllori fiscali - (3.4.6.5.0)