Lingue per la cooperazione internazionale

Anno accademico: 
2019/2020
Tipo di corso: 
laurea magistrale
Struttura didattica di riferimento: 
Dipartimento di Scienze Umanistiche
Accesso: 
non programmato
Classe: 
LM38 - Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale
Lingua in cui si tiene il corso: 
italiano
Sede: 
Catania

IL CORSO DI STUDIO IN BREVE

Si tratta di un corso di studi innovativo, che si caratterizza per il suo impianto interdisciplinare e che include, oltre alla lingua inglese e anglo-americana, una seconda lingua, discipline socio-antropologiche, storico-geografiche, economico-giuridiche, e linguistiche.

Esso, oltre a fornire una conoscenza avanzata della lingua inglese e anglo-americana, e di una seconda lingua a scelta tra francese, spagnolo, tedesco, russo, arabo e giapponese, offre un'approfondita conoscenza sugli studi relativi al linguaggio e alla comunicazione, fornendo inoltre dei solidi quadri di riferimento storici, geografici, sociologici, giuridici ed economici, in una visione comparata e con una particolare attenzione al contesto internazionale. Offre anche una buona preparazione nell'ambito dei linguaggi specialistici. Il corso di laurea magistrale in Lingue e culture per la cooperazione internazionale si pone l'obiettivo di portare i propri laureati magistrali a perfezionare e raffinare le competenze linguistiche e culturali maturate nel corso di studi precedente, proseguendo lo studio di due lingue straniere già affrontate nel proprio percorso universitario (lingua inglese o anglo-americana e una seconda lingua straniera a scelta fra francese, spagnolo, tedesco, russo, arabo e giapponese).

Al perfezionamento delle conoscenze di ambito linguistico e comunicativo si affiancano competenze individuate nell'ambito delle discipline giuridiche, economiche, storico-geografiche, culturali e antropologiche necessarie per costruire una figura di esperto di alto profilo professionale nell'ambito della comunicazione e della cooperazione internazionale.

OBIETTIVI FORMATIVI

Il corso di laurea magistrale in Lingue per la cooperazione internazionale permette ai laureati di:

  • possedere un'elevata competenza in almeno due lingue e valide conoscenze nel campo dell'analisi linguistica e sociolinguistica e delle dinamiche della comunicazione interlinguistica;
  • possedere una conoscenza approfondita dei contesti storico-economico-sociali delle aree geografiche connesse alle lingue scelte, delle loro specificità territoriali nelle loro dinamiche storiche con particolare riferimento alla macroarea euromediterranea;
  • considerate le pregresse conoscenze di ordine giuridico ed economico acquisite nella classe triennale di riferimento L20 - Classe delle lauree in Scienze e Lingue per la Comunicazione in ogni caso richieste tra i requisiti in ingresso, sviluppare le conoscenze giuridiche con particolare riguardo al diritto internazionale, al fine di ricoprire ruoli di rilievo nell'ambito della comunicazione e della cooperazione internazionale; e insieme ampliare le competenze indispensabili nelle varie forme di dialogo interaziendale a livello internazionale, acquisendo nuove conoscenze nell'ambito della gestione e organizzazione dell'impresa e della normativa nazionale e internazionale a essa collegata, con particolare attenzione al campo delle pubbliche relazioni nelle imprese e nelle amministrazioni.

Al conseguimento di tali obiettivi contribuirà una ricca offerta didattica, articolata in lezioni frontali, seminari disciplinari e interdisciplinari, esercitazioni con collaboratori ed esperti linguistici madrelingua, attività di laboratorio multimediale, tirocini formativi o corsi presso aziende, istituzioni e università italiane o estere, servizi di tutoraggio, al fine di far conseguire agli studenti un metodo di studio, di apprendimento, di comunicazione e di soluzione dei problemi quanto più flessibile e complesso.

La verifica del profitto avverrà con prove scritte (obbligatoriamente per le Lingue) e orali, strutturate in rapporto agli obiettivi, ai contenuti e ai livelli di riferimento previsti per ogni singola disciplina, e sarà coronata da una prova finale che assicuri alti livelli di scientificità e di originalità.

SBOCCHI PROFESSIONALI

Classificazione Istat delle professioni

  • Dialoghisti e parolieri - (2.5.4.1.2)
  • Redattori di testi tecnici - (2.5.4.1.4)
  • Interpreti e traduttori di livello elevato - (2.5.4.3.0)