Economia e Management del Territorio e del Turismo

Anno accademico: 
2019/2020
Tipo di corso: 
laurea magistrale
Struttura didattica di riferimento: 
Dipartimento di Economia e Impresa
Accesso: 
non programmato
Classe: 
LM56 - Scienze dell'economia
Lingua in cui si tiene il corso: 
italiano
Sede: 
Catania

IL CORSO DI STUDIO IN BREVE

Il corso si prefigge l'obiettivo di formare un laureato con elevate conoscenze di metodo e di contenuti culturali, scientifici e professionali, finalizzati alla comprensione dei principali aspetti dell'economia e del governo del territorio da un lato e della gestione delle attività e delle risorse turistiche dall'altro lato. Questo corso di laurea magistrale si connota per l'approccio multidisciplinare e per l'orientamento alla lettura dell'economia territoriale e dei suoi processi di cambiamento, così da consentire l'elaborazione di politiche e strategie che mirino al governo del territorio e al suo sviluppo turistico.

Nell'ambito dell'offerta formativa sono previsti due percorsi, uno orientato alla pubblica amministrazione e un altro orientato al turismo e beni culturali. Il percorso formativo diretto alla pubblica amministrazione mira a trasmettere elevate competenze teoriche e pratiche necessarie per la valutazione e la gestione delle risorse economiche, umane, ambientali, tecnologiche e organizzative al fine di contribuire ad ottimizzare l'efficacia e l'efficienza delle attività e dei servizi forniti dalle Pubbliche Amministrazioni e dalle organizzazioni private che le supportano nello sviluppo del territorio. Il percorso formativo diretto al turismo e beni culturali è indirizzato a sviluppare competenze relative all'analisi dei sistemi territoriali e alla valorizzazione delle risorse culturali e creative per attivare processi sostenibili di sviluppo locale.

Le attività formative sono costituite da corsi di insegnamento annuali o semestrali, seminari e prova finale.
Per conseguire gli obiettivi formativi del Corso, i percorsi di studi seguiti sono orientati alla interdisciplinarietà di contenuti e metodi, organizzati in insegnamenti di diverse aree disciplinari, tra loro interrelate e coerenti con le tendenze del sistema territoriale, che richiedono conoscenze multidisciplinari. Gli strumenti didattici utilizzati per sviluppare tali conoscenze sono le lezioni frontali, affiancate da attività seminariali, lavori di gruppo e discussione di casi concreti. Le modalità di verifica delle conoscenze sono prevalentemente affidate ad esami orali e/o elaborati scritti, disciplinati dal regolamento del Corso di studio e specificati nel syllabus degli insegnamenti.
Coerentemente con gli obiettivi, il piano degli studi è integrato da una ricca offerta di ulteriori attività formative, articolate principalmente in: a) tirocini formativi, effettuabili presso enti pubblici e privati che hanno rapporti con la p.a., b) seminari professionalizzanti, svolti da professionisti che operano anche nella p.a. e per conto della p.a.; c) viaggi studio, che dal 2015 hanno visto la partecipazione di una ricca rappresentanza di studenti che ha incontrato, in alcune delle maggiori città italiane, alcuni degli attori locali più significativi, sia pubblici che privati, oltre ai rappresentanti del settore no profit.

Queste attività formative sono inoltre integrabili con l'offerta di partecipazione ai programmi Erasmus nell'ambito di accordi stipulati con alcune delle principali sedi universitarie europee dal Dipartimento di Economia e Impresa.

OBIETTIVI FORMATIVI

Il corso si prefigge l'obiettivo di formare un laureato con elevate conoscenze di metodo e di contenuti culturali, scientifici e professionali, finalizzati alla comprensione dei principali aspetti dell'economia e del governo del territorio e delle attività turistiche. A tal scopo la Laurea magistrale fornisce una solida formazione culturale ed approfondite conoscenze metodologiche multidisciplinari idonee a comprendere l'economia territoriale e i suoi processi di cambiamento, così da consentire la elaborazione di politiche e strategie che mirino al governo del territorio e al suo sviluppo turistico.

Nell'ambito dell'offerta formativa si possono prevedere due percorsi, uno diretto alla pubblica amministrazione e un altro diretto al turismo e beni culturali. Il percorso formativo diretto alla pubblica amministrazione mira a trasmettere elevate competenze teoriche e pratiche necessarie per la valutazione e la gestione delle risorse economiche, culturali, umane, ambientali, tecnologiche e organizzative. L'ampio spettro di conoscenze acquisite consente al laureato di valutare appieno le problematiche emergenti nel contesto di ambiti organizzativi, sempre più variegati e complessi, e di promuovere attività di progettazione, valutazione ed implementazione di politiche finalizzate allo sviluppo economico e sociale attraverso il miglioramento della sostenibilità economica, dell'efficacia e dell'efficienza delle attività e dei servizi forniti dalle Pubbliche Amministrazioni e dalle organizzazioni private che le supportano nello sviluppo del territorio. In particolare, i laureati del corso saranno qualificati da: diffuse ed avanzate conoscenze nel campo delle discipline economiche, aziendali, territoriali, giuridiche e quantitative correlate all'azione delle amministrazioni pubbliche e delle organizzazioni private locali; approfondite capacità di analisi, previsione ed interpretazione dei processi di cambiamento e innovazione che caratterizzano il territorio e in particolare il contesto locale; padronanza degli approcci, dei metodi e delle tecniche di analisi territoriale, di valutazione economica, di gestione, di contabilità e controllo delle amministrazioni pubbliche e delle organizzazioni private locali, e delle relazioni tra questi attori e gli altri operanti nel territorio. Mentre il percorso formativo diretto al turismo e beni culturali è indirizzato a sviluppare competenze relative all'analisi dei sistemi territoriali e alla valorizzazione delle risorse culturali e creative per attivare processi sostenibili di sviluppo locale. Scegliendo questo percorso si acquisiscono competenze per lo studio dell'economia, delle politiche, delle norme e delle risorse materiali e immateriali di natura culturale e creativa, finalizzandolo alla ottimale organizzazione delle attività di gestione sia all'interno di organizzazioni pubbliche quanto di quelle private. Tale competenze sono anche propedeutiche al sostegno della elaborazione di politiche di intervento per lo sviluppo turistico dei territori, mediante l'impiego di conoscenze acquisite su specifici aspetti di marketing e manageriali.

Le attività formative sono costituite da corsi di insegnamento annuali o semestrali, seminari e prova finale.
Per conseguire gli obiettivi formativi specifici del Corso, i percorsi di studi seguiti sono orientati alla interdisciplinarietà di contenuti e metodi, organizzati in insegnamenti di diverse aree disciplinari tra loro interrelate e coerenti con le tendenze del sistema territoriale che richiedono conoscenze multidisciplinari. L'obiettivo è quello di consentire agli studenti di raggiungere una formazione flessibile e polivalente. Gli strumenti didattici utilizzati per sviluppare tali conoscenze sono le lezioni frontali, affiancate da attività seminariali, lavori di gruppo e discussione di casi concreti. Le modalità di verifica delle conoscenze sono prevalentemente affidate ad esami orali e/o elaborati scritti, disciplinati dal regolamento del Corso di studio e specificati nel syllabus degli insegnamenti.

Pertanto e vista la delibera del Consiglio di Dipartimento del 7 dicembre 2018 la denominazione del CDLM Economia, politiche e management del territorio è modificata in Economia e Management del Territorio e del Turismo.
 

SBOCCHI PROFESSIONALI

Classificazione Istat delle professioni

  • Specialisti della gestione nella Pubblica Amministrazione - (2.5.1.1.1)
  • Specialisti del controllo nella Pubblica Amministrazione - (2.5.1.1.2)
  • Analisti di mercato - (2.5.1.5.4)
  • Specialisti dei sistemi economici - (2.5.3.1.1)