Quattro borse per un progetto di ricerca del Centro per la Riduzione del Danno da Fumo

E' stato pubblicato un nuovo bando per l'assegnazione di quattro borse di ricerca della durata di 12 mesi e del valore di 26 mila euro ciascuna. Due delle quattro borse sono riservate a laureati provenienti da paesi a basso e medio reddito, secondo la lista ufficiale 2020 della World Bank Group.

I ricercatori saranno impegnati nel programma di ricerca “Living Systematic Reviews: applicazione di un metodo innovativo di revisione sistematica alla ricerca sulla riduzione del danno da fumo, con particolare riferimento a effetti cardiovascolari, respiratori e di gestione del peso” (responsabile scientifico prof. Gaetano Bertino). L'attività di ricerca si svolgerà nei locali e nei laboratori dl dipartimento di Medicina clinica e sperimentale (Medclin) e del Centro per la Riduzione del Danno da Fumo (Coehar) dell'Università di Catania. La selezione, infatti, rientra nell'ambito delle attività e dei progetti di ricerca avviati dal centro antifumo d'Ateneo, fondato e diretto dal prof. Riccardo Polosa.

Il progetto di ricerca

La ricerca sulla riduzione del danno da fumo, a differenza di molti altri ambiti di ricerca, coinvolge molteplici professionalità afferenti a settori scientifici diversi. Tra le sfide della ricerca in questo campo vi è infatti quella di trovare, verificare e valutare gli studi che risultano essere imperfetti o addirittura già obsoleti vista l'incredibile quantità di pubblicazioni in atto.

Il nuovo progetto di ricerca del Coehar, diretto dalla dott.ssa Renée O’Leary, è altamente innovativo. Il team selezionato lavorerà sulle revisioni degli studi pubblicati, valutandone criticamente la loro qualità e producendo relazioni di elevato spessore scientifico aggiornate in tempo reale e con un linguaggio semplice. Le revisioni sistematiche di questo tipo forniranno ai responsabili politici, agli operatori sanitari e ai consumatori, dati affidabili e aggiornati provenienti da studi di qualità per informare le loro decisioni su politiche e pratiche per ridurre i danni causati dal fumo.

L'obiettivo della ricerca è quello di fornire informazioni sugli effetti sulla salute derivanti dalla sostituzione delle sigarette convenzionali con prodotti alternativi a basso rischio, con particolare riferimento agli effetti nei sistemi cardiovascolare e respiratorio e sulla gestione del peso. 

Il bando

Possono partecipare alla selezione i candidati che alla data di scadenza del termine utile per la presentazione della domanda di partecipazione siano in possesso di laurea specialistica o magistrale, o diploma di laurea in:

  • Medicina e Chirurgia;
  • Biologia;
  • Biotecnologie Mediche, Veterinarie e Farmaceutiche;
  • Farmacia e Farmacia Industriale;
  • Odontoiatria e Protesi Dentaria;
  • Psicologia;
  • Scienze Cognitive;
  • Archivistica e Biblioteconomia;
  • Informazione e Sistemi Editoriali;
  • Teorie e Metodologie dell'E-Learning e della Media Education;
  • Teorie della Comunicazione;
  • Scienze Statistiche;
  • Sociologia e Ricerca Sociale;
  • Scienze dell'Economia;
  • Informatica.

Saranno valutate per pertinenza al profilo richiesto e in relazione al programma di ricerca le seguenti competenze e esperienze:

  • Competenze nella ricerca bibliografica su Pubmed e altri database biomedici;
  • Esperienze di ricerca e di lavoro nel settore del tabagismo e della riduzione del danno da fumo;
  • Dottorato e/o specializzazioni di area medica pertinenti
  • Ulteriori titoli valutabili (pertinenti corsi di perfezionamento, corsi di aggiornamento, workshop...);
  • Pubblicazioni scientifiche su riviste internazionali;
  • Conoscenza della lingua inglese.

Le domande di partecipazione dovranno pervenire entro il 26 giugno.

Ultima modifica: 
09/06/2020 - 12:44