Tecniche audioprotesiche

Anno accademico: 
2018/2019
Tipo di corso: 
laurea
Struttura didattica di riferimento: 
Dipartimento di Scienze Mediche, Chirurgiche e Tecnologie avanzate "G.F. Ingrassia"
Accesso: 
programmato nazionale
Classe: 
L/SNT3 Professioni sanitarie tecniche
Lingua in cui si tiene il corso: 
italiano

IL CORSO DI STUDIO IN BREVE

Il cdl in Tecniche audioprotesiche è basato su un insieme di attività formative utili alla qualificazione di figure altamente specializzate nell'ambito della riabilitazione audiologica.

Tale corso di studi consente di acquisire le competenze necessarie per la gestione tecnica della riabilitazione audiologica di pazienti ipoacusici sia in età infantile che in età adulta.

Il cdl è articolato in 3 anni, secondo un ordinamento curricolare articolato in maniera tale che gli studenti possano acquisire dapprima le conoscenze di base, propedeutiche al successivo studio di discipline professionalizzanti, finalizzate alla delineazione di figure professionali in grado di operare in piena autonomia e responsabilità.

OBIETTIVI FORMATIVI

I laureati della professione sanitaria in tecniche audioprotesiche svolgono la loro attività nella fornitura, adattamento e controllo dei presidi protesici per la prevenzione e correzione dei deficit uditivi.
Le conoscenze specifiche vengono ampliate con concetti di anestesiologia, emergenza e primo soccorso in stretta interazione con le discipline caratterizzanti il cdl.
Vengono somministrate anche competenze disciplinari finalizzate all'apprendimento di concetti fondamentali delle scienze umane e del comportamento, dell'etica e della deontologia professionale, degli elementi di gestione e management professionale.

Il raggiungimento delle competenze professionali si attua attraverso una formazione teorica che possa garantire, al termine del percorso formativo, la padronanza di tutte le necessarie competenze e la loro immediata spendibilità nell'ambiente di lavoro. Particolare rilievo, come parte integrante e qualificante della formazione professionale, riveste l'attività formativa pratica e di tirocinio clinico, svolta con la supervisione e la guida di tutori professionali appositamente assegnati, coordinata da un docente appartenente al più elevato livello formativo previsto per ciascun profilo professionale e corrispondente alle norme definite a livello europeo.

È possibile anche la realizzazione di progetti internazionali Erasmus che prevedono la effettuazione di attività di tirocinio presso sedi estere.

La logica curriculare si concretizza nella scelta dei crediti assegnati alle esperienze di tirocinio, che aumentano gradualmente dal 1° al 3° anno.

SBOCCHI PROFESSIONALI

La figura del tecnico audioprotesista è quella di un operatore sanitario che svolge la sua attività nella fornitura, adattamento e controllo dei presidi protesici per la prevenzione e correzione dei deficit uditivi; opera su prescrizione del medico mediante atti professionali che implicano la piena responsabilità e la conseguente autonomia.

L'attività dei laureati in audioprotesi è volta all'applicazione dei presidi protesici mediante il rilievo dell'impronta del condotto uditivo esterno, la costruzione e applicazione delle chiocciole o di altri sistemi di accoppiamento acustico e la somministrazione di prove di valutazione protesica. Collaborano inoltre con altre figure professionali ai programmi di prevenzione e di riabilitazione delle sordità mediante la fornitura di presidi protesici e l'addestramento al loro uso.

Gli sbocchi occupazionali sono previsti presso enti pubblici o privati che si occupano della riabilitazione audiologica in riferimento a soggetti affetti da audiopatie protesizzabili, sia in età infantile che adulta.

Nello specifico, fra gli sbocchi occupazionali del corso di laurea rientrano le figure classificate secondo i criteri ISTAT di:
  • Tecnici audioprotesisti - (3.2.1.4.2)