Newsletter n.35/2014


Oggi pomeriggio, alle 15, nell'aula magna della Scuola Superiore di Catania, secondo workshop sulle strategie di Ateneo per il miglioramento continuo della qualità della didattica.

Open Days, incontri docenti-aziende
Il Centro Orientamento e Formazione, tramite i servizi Placement, sta pianificando l'organizzazione degli "Open Days Aziende": si tratta di giornate dedicate all’incontro tra docenti universitari e funzioni HR (risorse umane) delle aziende interessate ad approfondire, in tema di formazione e sbocchi professionali, la conoscenza e lo scambio di aspettative reciproche.
I docenti che avessero già dei propri rapporti di collaborazione con aziende del territorio sono pertanto invitati a segnalare questa iniziativa. Le aziende interessate a partecipare a tali incontri nei dipartimenti dovranno preliminarmente compilare l’apposito questionario.

Ricerca, dialogo tra i saperi risorsa irrinunciabile. Al via "i Colloqui" del Disum 

Il primo Colloquio di Ricerca del dipartimento di Scienze umanistiche si svolgerà al Monastero dei Benedettini oggi e domani. L'argomento centrale sul quale si confronteranno gli studiosi del Disum è il tema della frontiera, che è insieme limite e confine, ma anche punto di contatto e di collegamento tra posizioni differenti. Per questo, il Colloquio si propone come ponte tra ambienti culturali variegati e compositi, uno strumento di riflessione comune che parte da prospettive diverse, talvolta lontane nel tempo e per settore disciplinare. Una distanza che è ricchezza, se riesce a divenire condivisione.
Lo statuto epistemologico dei saperi umanistici richiede senza dubbio un'attenzione agli specifici campi di studio, che chiedono di essere compresi nella loro individualità. Questo fa parte della più nobile, secolare tradizione umanistica. Ma il dialogo tra i saperi appare oggi una risorsa irrinunciabile per la ricerca. È necessario affrontare i problemi culturali che la società ci pone ragionando e agendo come comunità scientifica, condividendo le nostre esperienze, gli approcci metodologici, formule nuove e modelli innovativi, fonti plurali. Tutta questa varietà e vivacità rappresenta la nostra prima ricchezza.
Un'indicazione in questo senso è venuta anche dal nostro Ateneo, tramite i Fir, che sono appunto dei progetti che accomunano studiosi provenienti da diversi ambiti disciplinari e talvolta afferenti a dipartimenti diversi. Perché l'interdisciplinarità è prima di tutto un'opportunità e crediamo che debba divenire un modello operativo di riferimento per la ricerca scientifica, anche nell'ottica del panorama scientifico europeo, in cui i settori disciplinari sono stati da tempo sostituiti dai panels. Questa classificazione rimette in discussione l'identità stessa dello studioso, che viene “definito” non in base all'area di provenienza scientifica, ma in base a ciò che intende studiare. Così il tema della frontiera trova una sua esplicitazione non solo come argomento di studio, ma come approccio metodologico, votato al dialogo interculturale e interdisciplinare. Non è il momento in cui si possono costruire muri, questo, ma è il momento propizio per costruire ponti.
Giancarlo Magnano San Lio (direttore Disum)
Un servizio di Radio Zammù in onda su Radio 3 Rai
In occasione della giornata dedicata al Futuro della Radio, l’emittente dell’Università di Catania Radio Zammù interverrà questa sera nel palinsesto di Radio3 Rai – all’interno del programma Radio3suite, in onda dalle 20 - con un servizio sulla valorizzazione dei Beni culturali realizzato da Vittoria Marletta con la collaborazione di Laura Rondinella. L’audio del servizio sarà inoltre disponibile su questo sito.
La ricercatrice del dipartimento di Scienze mediche e pediatriche ha coordinato un gruppo di lavoro sullo sviluppo della celiachia nei neonati in rapporto al genotipo HLA, all'allattamento materno e all'introduzione del glutine nello svezzamento.
 
Sono 150 i giovani, provenienti da 23 Paesi, che studieranno a Catania il prossimo semestre accademico. Attesi altri 44 per il secondo semestre.

Nuovo accordo di cooperazione tra l'Ateneo e l'Università di Cardiff

L'intesa prevede la mobilità in ingresso e in uscita di studenti, docenti e del personale tecnico amministrativo, collaborazioni su progetti di ricerca scientifica comuni e l'organizzazione congiunta di attività di formazione.

"Un'emergenza universitaria da risolvere al più presto"
Sul quotidiano online "Siciliajournal", un intervento del prof. Giuseppe Vecchio sul problema del numero degli studenti fuori corso, che in futuro potrebbero penalizzare l'Università di Catania in termini di assegnazione del Ffo da parte del Miur.
Studenti ‘fuori-corso’: una emergenza universitaria da risolvere al più presto - See more at: http://www.siciliajournal.it/arte/iniziative/studenti-fuori-corso-emerge...
Studenti ‘fuori-corso’: una emergenza universitaria da risolvere al più presto - See more at: http://www.siciliajournal.it/arte/iniziative/studenti-fuori-corso-emerge...
Studenti ‘fuori-corso’: una emergenza universitaria da risolvere al più presto - See more at: http://www.siciliajournal.it/arte/iniziative/studenti-fuori-corso-emerge...
 
Domande di partecipazione entro il 17 ottobre 2014.

Cutgana, 

al via la prima edizione del Corso di formazione per la certificazione energetica degli edifici
Le lezioni inizieranno il prossimo 31 ottobre. Domande di partecipazione entro il 20 ottobre.
 

 
Bandi europei per la ricerca, nuove calls relative a Horizon 2020
L'Ufficio ricerca d'Ateneo ha pubblicato la nuova circolare relativa ai bandi europei per la ricerca nella quale segnala le calls della Commissione europea relative ai programmi "Tecnologie future ed emergenti" (scadenza il 29 settembre 2015); "Research Infrastructures" (scadenza il 14 gennaio 2015) ed "Efficienza energetica" (scadenza il 4 febbraio 2015).

Barilla scommette sugli under 30

Studenti, laureati e ricercatori possono partecipare al concorso “Good4 – Start Up the future” che premia idee innovative che rendano più sostenibile il percorso "dal campo alla tavola".
Domande entro il 15 ottobre 2014.