Programmi di cooperazione internazionale

I programmi di cooperazione internazionale sono uno strumento efficace per il potenziamento del processo di internazionalizzazione dell'Ateneo. I principali programmi di cooperazione internazionale gestiti sono: 

 

Intra-Africa

L’obiettivo generale del programma è promuovere lo sviluppo sostenibile in Africa e, in prospettiva, contribuire a ridurre la povertà aumentando la disponibilità di manodopera professionale di alto livello, formata e qualificata. Tale traguardo intende essere raggiunto attraverso azioni orientate al potenziamento delle capacità e delle competenze degli studenti e del personale attraverso l'incentivazione  della mobilità intra-africana. Il rafforzamento della cooperazione tra gli istituti di istruzione superiore (IIS) in Africa è volta a migliorare l’accesso a un'istruzione di qualità e consentire agli studenti africani di intraprendere studi post-laurea nel continente africano. In tale contesto la mobilità del personale (accademico e amministrativo) intende rafforzare la capacità di cooperazione internazionale degli IIS in Africa.

Più precisamente, il programma mira a:

  • contribuire al miglioramento della qualità dell’istruzione superiore promuovendo l’internazionalizzazione e l’armonizzazione di programmi e corsi di studio tra le istituzioni partecipanti
  • permettere agli studenti, al personale accademico e al personale in genere di beneficiare a livello linguistico, culturale e professionale dell’esperienza acquisita nel contesto della mobilità verso un altro paese africano

Il partenariato costituito per la partecipazione al programma dovrà essere costituito da minimo quattro e massimo sei istituti di istruzione superiore (IIS) africani in qualità di partner (compreso il richiedente) accreditati dalle autorità nazionali competenti in Africa e da un partner tecnico dell’Unione europea in possesso di una carta Erasmus per l’istruzione superiore. La durata del progetto dovrà essere compresa tra 54 e 60 mesi in base alle attività programmate.

Europe Aid

EuropeAid - Sviluppo e cooperazione - è una direzione generale (DG) della Commissione Europea incaricata di elaborare le politiche di sviluppo dell'UE e fornire aiuti mediante programmi e progetti in tutto il mondo, ponendosi come unico punto di contatto per le parti interessate nell'UE e nel resto del mondo. EuropeAid eroga aiuti tramite programmi geografici e tematici e attraverso le misure di accompagnamento a favore dei paesi dell'Africa, dei Caraibi e del Pacifico. I programmi geografici, che coprono le attività di cooperazione con paesi e regioni partner individuati su base geografica, interessano cinque regioni: America latina, Asia, Asia centrale, Medio Oriente e Sudafrica. L'assistenza comunitaria in favore di questi paesi include azioni nell'ambito dei seguenti settori di cooperazione volte a:

  • sostenere l'attuazione di politiche miranti a eliminare la povertà e raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (OSM); 
  • rispondere alle esigenze essenziali della popolazione, con attenzione prioritaria all'istruzione primaria e alla salute; 
  • promuovere la coesione sociale e l'occupazione; 
  • promuovere il buon governo, la democrazia e i diritti umani e sostenere le riforme istituzionali; 
  • assistere i paesi e le regioni partner nel campo degli scambi commerciali e dell'integrazione regionale; 
  • promuovere lo sviluppo sostenibile attraverso la protezione dell'ambiente e la gestione sostenibile delle risorse naturali; 
  • promuovere la gestione integrata e sostenibile delle risorse idriche e un maggiore uso delle tecnologie sostenibili per la produzione di energia; 
  • fornire assistenza nelle situazioni di post-crisi e agli Stati fragili. 

I programmi tematici completano quelli geografici, in quanto riguardano un settore specifico di interesse per un insieme di paesi partner non individuati su base geografica, ovvero attività di cooperazione rivolte a diverse regioni o gruppi di paesi partner senza una specifica base geografica. Il loro campo di applicazione, quindi, supera quello della cooperazione geografica, poiché oltre ai paesi ammissibili alla cooperazione geografica a titolo del Development Cooperation Instrument (DCI) contempla anche i paesi che possono beneficiare del Fondo europeo di sviluppo (FES) e quelli a cui si applica il regolamento (CE) n. 1638/2006.

Di seguito sono elencati i cinque programmi tematici previsti dalla DG EuropeAid:

  • investimenti nelle risorse umane; 
  • ambiente e gestione sostenibile delle risorse naturali; 
  • attori non statali e autorità locali;
  • miglioramento della sicurezza alimentare;
  • cooperazione in materia di migrazione e asilo.

Creative Europe

È il programma dell’Unione Europea dedicato al settore culturale, creativo e audiovisivo per il 2014-2020 e pensato con lo scopo di raggiungere l’audience di altri paesi e sviluppare competenze necessarie nell’era digitale in cui viviamo. Europa Creativa è composto da due sottoprogrammi: Cultura e Media; e da una sezione trasnsettoriale (fondo di garanzia per il settore culturale e creativo + data support + piloting).

Europa Creatvia si basa su 2 obiettivi generali e 4 obiettivi specifici:  

Obiettivi generali:

  • promuovere e salvaguardia la diversità linguistica e culturale europea;
  • rafforzare la competitività del settore culturale e creativo per promuovere una crescita economica intelligente, sostenibile e inclusiva.

Obiettivi specifici:

  • supportare la capacità del settore culturale e creativo europeo di operare a livello transnazionale;
  • promuovere la circolazione transnazionale delle opere culturali e creative e degli operatori culturali;
  • rafforzare la capacità finanziaria dei settori culturali e creativi, in particolare delle SME;
  • supportare la cooperazione politica transnazionale al fine di favorire innovazione, policy development, audience building e nuovi modelli di business.

Il programma sostiene le seguenti iniziative:

  • progetti di cooperazione transnazionale tra organizzazioni culturali e creative all’interno e al di fuori dell’UE;
  • le reti che aiutano i settori culturali e creativi a operare a livello transnazionale e a rafforzare la loro competitività;
  • la traduzione e la promozione di opere letterarie attraverso i mercati dell’UE;
  • le piattaforme di operatori culturali che promuovono gli artisti emergenti e che stimolano una programmazione essenzialmente europea di opere culturali e artistiche;
  • lo sviluppo di competenze e la formazione professionale per i professionisti del settore audiovisivo;
  • lo sviluppo di opere di finzione, di animazione, di documentari creativi e di videogiochi per il cinema, i mercati televisivi e ad altre piattaforme all’interno e al di fuori dell’Europa;
  • festival cinematografici che promuovono film europei;
  • fondi per la co-produzione internazionale di film;
  • la crescita di un pubblico per promuovere la film literacy e suscitare interesse verso i film europei attraverso un’ampia varietà di eventi.

Europa Creativa sostiene anche:

  • le capitali europee della cultura e il marchio del patrimonio europeo;
  • i premi europei per la letteratura, l’architettura, la tutela del patrimonio, il cinema e la musica rock e pop.

Sottoprogramma Cultura, promuove la mobilità transnazionale di opere culturali e creative, di artisti e operatori del settore, al fine di favorire l'internazionalizzazione delle carriere, gli scambi culturali, il dialogo interculturale, la comprensione della diversità culturale e l'inclusione sociale. Promuove, inoltre, l'audience development per stimolare l'interesse nei confronti delle opere culturali e creative e per rendere la cultura sempre più accessibile. Inoltre, il programma presta attenzione ad attività di supporto che consentano agli operatori culturali di acquisire nuove competenze, in un'ottica di dialogo interculturale e di comprensione reciproca tra persone di culture o contesti differenti, al fine di combattere ogni forma di discriminazione.

Il sottoprogramma MEDIA, supporta finanziariamente l’industria europea degli audiovisivi e dei videogames, promuove lo sviluppo di progetti di produzione e distribuzione di opere televisive. Questo aiuta a lanciare progetti di dimensione europea e agevola l’utilizzo delle nuove tecnologie. Attraverso il programma MEDIA, i prodotti dell’industria cinematografica Europea trovano nuovi mercati anche al di là dei confini nazionali ed europei. Il programma finanzia anche iniziative di formazione la formazione e lo sviluppo di nuovi schemi nel settore anche con emittenti TV.

Europe for Citizens

Europe for citizens è il programma pensato per rendere l’Unione Europea più vicina ai cittadini. Il programma prevede i seguenti obiettivi generali e specifici:

Obiettivi generali:

  • sensibilizzare i cittadini alla conoscenza dell'Unione, della sua storia e della sua diversità;
  • promuovere la cittadinanza europea e migliorare le condizioni per la partecipazione civica e democratica a livello dell'Unione.

Obiettivi specifici su scala transnazionale o con una dimensione europea:

  • fare opera di sensibilizzazione sulla memoria, la storia e i valori comuni e sull'obiettivo unionale di promuovere la pace, i suoi valori e il benessere dei cittadini stimolando il dibattito, la riflessione e lo sviluppo di reti; 
  • incoraggiare la partecipazione democratica e civica dei cittadini a livello dell'Unione sviluppando la consapevolezza dei cittadini sul processo decisionale dell'Unione e promuovendo opportunità di impegno e volontariato societale e interculturale a livello unionale.

A tali obiettivi si aggiungono, inoltre, le priorità annuali. Queste sono definite dalla Commissione europea e sono annunciate sul sito web dell'Agenzia esecutiva per l'istruzione, gli audiovisivi e la cultura (EACEA) e della Commissione europea.

Il programma è attuato lungo due assi e un'azione orizzontale:

ASSE 1: memoria europea: sensibilizzare alla memoria, alla storia e ai valori comuni e alle finalità dell'Unione. Questo asse supporta iniziative come ad es. la ricerca, il dibatto pubblico, le mostre, i percorsi formativi non formali, che invitano a riflettere sulle diversità culturali dell’Europa e sui suoi valori comuni. In particolare sulle cause dei regimi totalitari (ad es. Nazismo, Fascismo, Stalinismo, etc) e a commemorare le loro vittime.

ASSE 2: impegno democratico e partecipazione civica, incoraggia la partecipazione democratica e civica dei cittadini a livello dell'Unione Europea e comprende le seguenti misure:

  • gemellaggi di città: supporta progetti che coinvolgono cittadini di città gemellate al fine di cercare di promuovere la partecipazione civica all’interno del processo di formazione della politica dell’Unione;
  • reti tra città: finanzia associazioni e municipalità che lavorano insieme su temi comuni in una prospettiva di lungo termine e augurando lo sviluppo di reti di città che permettano la loro cooperazione più sostenibile;
  • progetti della società civile: finanzia progetti che favoriscono l’aggregazione dei cittadini sui temi dell’unione europea e agevolano la loro partecipazione diretta al processo del policy making. Le azioni finanziate possono includere: la promozione dell’impegno sociale e la solidarietà, la raccolta di opinioni, il volontariato, etc.

AZIONE ORIZZONTALE: valorizzazione: analisi, diffusione e uso dei risultati dei progetti.

Tipi di sovvenzioni

SOVVENZIONI DI AZIONE: possono essere erogate per progetti (nell'ambito di entrambi gli assi) vale a dire per azioni di durata limitata nel corso della quale sono implementate le attività specifiche proposte.

SOVVENZIONI DI FUNZIONAMENTO: sono diverse dalle sovvenzioni di azione in quanto forniscono un sostegno finanziario per i costi necessari alla corretta esecuzione delle attività usuali e permanenti di un'organizzazione. In ciò rientrano: costi del personale, costi per le riunioni interne, pubblicazioni, informazione e diffusione, costi di trasferta legati all'implementazione del programma di lavoro, affitti, deprezzamento e altri costi direttamente legati al programma di lavoro dell'organizzazione. Le sovvenzioni di funzionamento sono oggetto di un invito specifico a presentare proposte.

Ultima modifica: 
12/07/2019 - 10:45