Scienze e tecnologie alimentari

Anno accademico: 
2017/2018
Tipo di corso: 
laurea
Struttura didattica di riferimento: 
Dipartimento di Agricoltura Alimentazione e Ambiente
Accesso: 
programmato locale
Classe: 
L-26 Scienze e tecnologie alimentari
Lingua in cui si tiene il corso: 
italiano

IL CORSO DI STUDIO IN BREVE

l corso di studio in Scienze e Tecnologie Alimentari si propone di formare capacità professionali dotate di una visione completa delle attività e delle problematiche della produzione, della trasformazione industriale nonché della conservazione dei prodotti alimentari. Il Corso si propone di fornire una solida preparazione di base tecnico-scientifica fondata sull'acquisizione di nozioni di fisica, matematica, chimica e biologica finalizzate alla comprensione delle tecnologie alimentari e alla garanzia della qualità e della sicurezza degli alimenti, nell'ottica di ridurre gli sprechi e l'impatto ambientale. Il Corso di Studio si prefigge, inoltre, di fornire le cognizioni fondamentali di economia e gestione delle imprese agroalimentari e dei rispettivi mercati nonché delle normative vigenti.

Il Corso di Studio è articolato in tre anni e prevede, compresi gli insegnamenti a scelta dello studente, 20 esami, relativi ad insegnamenti di base, caratterizzanti e integrativi. Ogni insegnamento comprende lezioni e attività didattiche integrative (esercitazioni, seminari, visite tecniche ecc.). Le attività formative sono organizzate in semestre. Le discipline caratterizzanti, che riguardano le discipline della tecnologia alimentare, della sicurezza e della valutazione degli alimenti e le discipline economiche e giuridiche sono distribuite nell'arco dei tre anni. Nell'anno conclusivo del corso sono previste le attività specifiche di ogni curriculum che, insieme al tirocinio formativo e alla preparazione dell'elaborato finale, assicurano un'adeguata preparazione sia per l'inserimento nel mondo del lavoro sia per il proseguimento degli studi. In dettaglio, al terzo anno lo studente potrà scegliere tra i due percorsi curriculari offerti: “Alimenti e salute” e “Valorizzazione dei prodotti tipici” che si differenziano per 12 CFU, caratterizzati da settori scientificodisciplinari e da obiettivi formativi diversificati.

Tali curricula garantiscono comunque l'unitarietà del percorso formativo. Il curriculum “Alimenti e salute” è rivolto a studenti che intendono approfondire la relazione, ormai accertata, tra l'alimentazione e la salute, con particolare riferimento agli alimenti funzionali e ai processi biochimici che regolano l'interazione tra nutrienti e metabolismo umano. Il curriculum “Valorizzazione dei prodotti tipici” si rivolge a studenti che intendono approfondire gli aspetti della gestione produttiva di alimenti tradizionali, fortemente legati al territorio. Il curriculum approfondisce tematiche relative alla filiera apistica come modello di riferimento, non solo per le produzioni alimentari, ma anche per la tutela dell'ambiente e per la salvaguardia del territorio.

Il corso in Scienze e Tecnologie Alimentari è strutturato per fornire le basi per l'accesso alle lauree magistrali, attinenti al settore alimentare, e si propone di fornire agli studenti l'acquisizione di un'adeguata padronanza della lingua inglese e dell'informatica, allo scopo di facilitare il loro inserimento in ambienti di lavoro sia europei che extraeuropei.

OBIETTIVI FORMATIVI

Il corso di studio in Scienze e Tecnologie Alimentari si propone di fornire conoscenze e formare capacità professionali che garantiscano una visione completa delle attività e delle problematiche della produzione, della trasformazione nonché della conservazione dei prodotti alimentari. In particolare, il Corso si propone di fornire una solida preparazione di base tecnico-scientifica che consenta l'acquisizione delle nozioni di natura fisico-matematica, chimico-biologica relative alle tecnologie e alle biotecnologie della trasformazione degli alimenti e alla microbiologia degli alimenti, al fine di garantire la sicurezza, la qualità e l'igiene degli alimenti, nell'ottica della riduzione degli sprechi e dell'impatto ambientale.

Il Corso di Studio si prefigge, inoltre, di fornire le cognizioni di economia, legislazione e gestione delle imprese agroalimentari e dei mercati.

Il laureato in Scienze e Tecnologie Alimentari svolge attività professionale, principalmente di gestione e di controllo nelle industrie alimentari, in tutte le aziende che operano per la produzione, trasformazione, conservazione e distribuzione dei prodotti alimentari e negli enti pubblici e privati che conducono attività di analisi, controllo, certificazione ed indagini per la tutela e la valorizzazione delle produzioni alimentari. Il Laureato esprime la sua professionalità anche in aziende collegate alla produzione di alimenti, che forniscono materiali, impianti, coadiuvanti ed ingredienti.

Il Corso di Studio è articolato in tre anni e prevede insegnamenti di base caratterizzanti e integrativi, monodisciplinari e, in qualche caso, integrati. Il numero di esami, in ciascun curriculum, è al massimo di 20, incluso l'acquisizione dei crediti a scelta. Ogni insegnamento comprende lezioni e attività didattiche integrative (esercitazioni, seminari, visite tecniche ecc.). Le attività formative sono organizzate in semestre.

Gli insegnamenti di base sono distribuiti tra il primo ed il secondo anno, contestualmente, nei limiti del possibile, ad alcuni insegnamenti caratterizzanti in modo da incentivare l'interesse allo studio. Già dal primo anno sono impartite, infatti, le discipline caratterizzanti che riguardano le produzioni vegetali e animali, l'economia e la legislazione agroalimentare e le discipline della sicurezza e della valutazione degli alimenti.

Nell'anno conclusivo del Corso sono previste le attività specifiche di ogni curriculum che, insieme al tirocinio formativo e alla preparazione dell'elaborato finale, assicurano un'adeguata preparazione sia per l'inserimento nel mercato del lavoro sia per il proseguimento degli studi. In dettaglio, al terzo anno lo studente potrà scegliere tra i due percorsi curriculari offerti: “Alimenti e salute” e “Valorizzazione dei prodotti tipici” che si differenziano per 12 CFU, caratterizzati da settori scientificodisciplinari e da obiettivi formativi diversificati. Tali curricula garantiscono comunque l'unitarietà del percorso formativo, assicurato da un numero complessivo di 139 CFU in comune.

In dettaglio il curriculum “Alimenti e salute” è rivolto a studenti che intendono approfondire la relazione, ormai accertata, tra l'alimentazione e la salute, con particolare riferimento agli alimenti funzionali e ai processi biochimici dei nutrienti con il metabolismo umano. Tale curriculum prevede l'ulteriore l'inserimento di discipline appartenenti ai SSD BIO/10 Biochimica e AGR/16 Microbiologia agraria.

Il curriculum “Valorizzazione dei prodotti tipici” si rivolge a studenti che intendono approfondire gli aspetti della gestione produttiva di alimenti tradizionali di qualità. Il curriculum approfondisce tematiche relative alla filiera apistica come modello di riferimento, non solo per le produzioni alimentari ma anche per la tutela dell'ambiente e per la salvaguardia del territorio. Questo curriculum prevede l'inserimento di ulteriori discipline dei SSD AGR/11 Entomologia generale e applicata e AGR/01 Economia ed estimo rurale.

Il corso in Scienze e Tecnologie Alimentari è strutturato per fornire le basi per l'accesso alle lauree magistrali, attinenti al settore, e si propone di fornire ai laureati l'acquisizione della conoscenza della lingua inglese e l'acquisizione degli elementi di base per la comunicazione e la gestione dell'informazione, allo scopo di facilitarne l'inserimento in ambienti di lavoro sia europei sia extraeuropei.

Il corso di laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari realizza gli obiettivi formativi indicati mediante sia la tradizionale didattica frontale sia il coinvolgimento attivo dello studente in attività pratiche.

Lo svolgimento di un tirocinio pratico-applicativo, presso aziende o enti esterni alla struttura universitaria, offre allo Studente la possibilità di entrare in contatto con la realtà produttiva. Il tirocinio formativo prevede il coinvolgimento di un tutor aziendale e di un docente di riferimento dell'Università.

La valutazione dei risultati dell'apprendimento avviene tramite verifiche finali e/o in itinere, consistenti sia in prove orali sia in prove scritte.

SBOCCHI PROFESSIONALI

  • Tecnici della produzione alimentare - (3.1.5.4.2)
  • Tecnici dell'organizzazione e della gestione dei fattori produttivi - (3.3.1.5.0)
  • Tecnici della vendita e della distribuzione - (3.3.3.4.0)