Ostetricia

Anno accademico: 
2017/2018
Tipo di corso: 
laurea
Struttura didattica di riferimento: 
Dipartimento di Chirurgia generale e specialità medico-chirurgiche
Accesso: 
programmato nazionale
Classe: 
L/SNT1 Professioni sanitarie, infermieristiche e professione sanitaria
Lingua in cui si tiene il corso: 
italiano

IL CORSO DI STUDIO IN BREVE

I criteri seguiti nella trasformazione del corso sono stati quelli dettati dalla nuova normativa e sulla guida delle esigenze di interscambio culturale come suggeriti dai Descrittori di Dublino. Il laureato nella classe di Laurea in Ostetricia è - ai sensi della legge 10 agosto 2000 n 251, articolo 1 comma 1 - l'operatore delle professioni sanitarie che svolge con autonomia professionale attività diretta alla prevenzione, alla cura e alla salvaguardia della salute individuale e collettiva, espletando le funzioni individuate dalle norme istituite dal relativo profilo professionale (DM 740/1994), nonché dallo specifico codice deontologico ed utilizzando metodologie di pianificazione per obiettivi dell'assistenza in ambito ginecologico, ostetrico e neonatale.

Il laureato del Corso di Laurea in Ostetrica deve essere dotato di un'adeguata preparazione nelle discipline di base, tale da consentirgli sia la migliore comprensione dei più rilevanti elementi che sono alla base dei processi fisiologici e patologici ai quali è rivolto il suo intervento preventivo, terapeutico e riabilitativo, sia la massima integrazione con le altre professioni. Inoltre deve raggiungere, in funzione del percorso formativo, le competenze professionali, di seguito indicate e specificate, attraverso una formazione teorico pratica che includa anche l'acquisizione di competenze comportamentali, conseguite nel contesto lavorativo.

Al termine del percorso formativo triennale, il laureato deve essere in grado di gestire i bisogni fisici, psicologici e sociali e diagnosticare le necessità di aiuto della donna, coppia e collettività, nei vari ambiti socio-sanitari, integrando le conoscenze teoriche con quelle pratiche per rispondere ad esse con competenza tecnico-scientifica anche nei confronti dell'utenza straniera.

OBIETTIVI FORMATIVI

Il laureato della classe del Corso di Laurea in Ostetricia in funzione del percorso formativo deve raggiungere al 1° anno di Corso i seguenti obiettivi:

  • Nozioni basilari sui fenomeni fisici rilevanti in ambito sanitario e sulla radio protezione.
  • Conoscenze relative alla struttura e alla funzione di organi e apparati, nonché alla tipologia dei fenomeni biologici con particolare riferimento alla riproduzione umana.
  • Elementi conoscitivi per l'osservazione e l'analisi dei fenomeni fisiologici e fisiopatologici.
  • Principali metodiche biofisiche e biochimiche applicabili alla diagnostica prenatale e post-natale, nonché gli aspetti diagnostico-clinici correlati alla genetica medica.
  • Principali quadri di patologia generale.
  • Conoscenze sulle basi dell'attività microbica, sulle interazioni micro-organismo/ospite e sugli aspetti diagnostico clinico correlati.
  • Nozioni di assistenza infermieristica di base, nonché nozioni teorico-pratiche di cura ed assistenza ostetrico-neonatale.
  • Nozioni di epidemiologia, nonché conoscenze sui metodi di osservazione-valutazione dei fenomeni biologici.
  • Conoscenze sulle patologie di primo soccorso, nonché capacità di collaborazione in tale ambito con il medico.
  • Acquisizione e conoscenza di inglese scientifico.

Il laureato della classe di Laurea in Ostetricia in funzione del percorso formativo deve raggiungere al II° anno di corso i seguenti obiettivi:

  • Conoscenza dei parametri laboratoristici correlati alla gravidanza e in genere alle metodiche di analisi più comuni.
  • Caratteristiche fisiologiche dello stato gravidico, nonché i quadri di patologia complicanti lo stato gravidico, nonché le linee guida per diagnosi e trattamento della gravidanza a rischio.
  • Conoscenze di protocolli diagnostico-terapeutici in medicina prenatale e acquisizione di nozioni sui farmaci adoperati in ambito materno-infantile.
  • Conoscenza riguardo ai principi generali della fisiopatologia della riproduzione umana, con particolare riguardo alla infertilità ed alla sterilità di coppia, nonché le principali metodiche della procreazione medicalmente assistita.
  • Capacità di diagnosi in relazione all'evento parto.

Il laureato della classe di Laurea in Ostetricia in funzione del percorso formativo deve raggiungere al III° anno di corso le seguenti competenze culturali e professionali specifiche:

  • Conoscenze in ambito di fisiopatologia endocrinologica, di sessuologia, di contraccezione e di oncologia ginecologica.
  • Acquisizione del particolare, anche mediante specifici supporti alla didattica, di nozioni relative ai quadri anatomo-patologici caratterizzanti le neoplasie ginecologiche.
  • Acquisizione di principi conoscitivi di bioetica nonché delle norme etiche e deontologiche proprie della professione di ostetrica.
  • Acquisizione di competenze in tecniche di comunicazione con il pubblico e di conduzione del lavoro di equipe.
  • Conoscenze delle norme di tutela delle lavoratrici madri.
  • Conoscenza sulla organizzazione dei servizi sanitari sulla razionale utilizzazione delle risorse in ambito aziendale.
  • Raggiungere un livello di conoscenza e competenza nell'uso parlato e scritto della lingua inglese nell'ambito specifico di competenza dell'ostetrica e per lo scambio di informazioni generali.

Particolare rilievo come parte integrante e qualificante della formazione professionale riveste l'attività formativa pratica e di tirocinio clinico svolta con la supervisione e la guida di tutor professionali appositamente assegnati. La logica curriculare si è concretizzata nella progressiva distribuzione delle esperienze di tirocinio, che vengono incrementate nel corso del triennio di studi.

SBOCCHI PROFESSIONALI

  • Professioni sanitarie ostetriche - (3.2.1.1.2)