Ortottica ed assistenza oftalmologica

Anno accademico: 
2017/2018
Tipo di corso: 
laurea
Struttura didattica di riferimento: 
Dipartimento di Scienze Biomediche e Biotecnologiche
Accesso: 
programmato nazionale
Classe: 
L/SNT2 Professioni sanitarie della riabilitazione
Lingua in cui si tiene il corso: 
italiano

IL CORSO DI STUDIO IN BREVE

Il Corso di Laurea in Ortottica ed Assistenza Oftalmologica rientra nei corsi triennali a ciclo unico ed ha come finalità quella di preparare, (legge 10 agosto 2000, n. 251, articolo 3, comma 1), operatori delle professioni sanitarie dell'area della riabilitazione svolgendo con titolarità e autonomia professionale, nei confronti dei singoli individui e della collettività, attività dirette alla prevenzione, alla cura, alla riabilitazione e a procedure di valutazione funzionale, al fine di espletare le competenze proprie previste dal relativo profilo professionale.

Ciò viene espletato attraverso un percorso formativo finalizzato all'apprendimento di tutti gli elementi necessari per poter svolgere attività di trattamenti riabilitativi ortottici nei disturbi della motilità oculare e della visione binoculare, di rieducazione degli handicaps della funzione visiva e di poter eseguire tecniche di semeiologia strumentale ed oftalmologica.

Il CdL ha l'obiettivo di far acquisire agli studenti,le capacità individuali di comunicazione con gli altri operatori sanitari, con le strutture sociosanitarie ed amministrative. L'acquisizione delle abilità comunicative, viene sviluppata nel corso di studio all'interno delle diverse attività formative durante lo svolgimento delle lezioni, dei colloqui, degli esami di profitto, del confronto col docente o tutor ed in occasione di seminari. È verificata attraverso elaborati scritti o multimediali, esposizioni orali, partecipazione a gruppi di lavoro e seminari.

Il conseguimento delle abilità professionali viene raggiunto attraverso un'attività di tirocinio pratico, individuale ed in gruppo, indirizzato sia all'operatività clinica sul paziente, sia alla capacità di aggiornamento derivante dalla consultazione di testi e riviste scientifiche e dalle abilità informatiche e di utilizzo del Web.

Essi saranno in grado di acquisire competenze integrate nell'ambito della fisiopatologia della visione binoculare e dei quadri clinici ad essa ricollegabili nelle varie fasi del ciclo vitale (età evolutiva, adulta e geriatrica); avranno acquisito le competenze necessarie alla pianificazione ed organizzazione dei servizi di abilitazione e riabilitazione della comunicazione umana in ambito ospedaliero, ambulatoriale e nei diversi presidi pubblici e privati del SSN, nonché in ambito scolastico; saranno in grado di svolgere attività didatticoeducativa sia nei confronti dell'utenza che degli altri operatori in ambito sanitario e psico-pedagogico. Il grado di apprendimento sarà valutato mediante esami di profitto orali e/o scritti e prove pratiche.

I laureati in Ortottica ed Assistenza Oftalmologica possono svolgere attività libero-professionale in strutture sanitarie private e/o convenzionate con il SSN, oppure in regime di dipendenza presso strtture sanitarie pubbliche (AUSL, Az.Ospedaliere, Az.Osp-Univers.)

OBIETTIVI FORMATIVI

I laureati “ortottisti e assistenti di oftalmologia” sono, ai sensi della legge 10 agosto 2000, n. 251, articolo 3, comma 1, operatori delle professioni sanitarie dell'area della riabilitazione che svolgono con titolarità e autonomia professionale, nei confronti dei singoli individui e della collettività, attività dirette alla prevenzione, alla cura, alla riabilitazione e a procedure di valutazione funzionale, al fine di espletare le competenze proprie previste dal relativo profilo professionale.

Obiettivo formativo complessivo del Corso di laurea in Ortottica ed assistenza oftalmologica è quello di far comprendere allo studente le basi per la comprensione qualitativa e quantitativa dei fenomeni biologici e patologici, i principi della fisiopatologia necessari per poter svolgere attività di trattamento riabilitativo ortottico nei disturbi della motilità oculare e della visione binoculare, di rieducazione degli handicaps della funzione visiva e per poter eseguire tecniche di semeiologia strumentale ed oftalmologica.

Al termine del corso di laurea in Ortottica ed Assistenza Oftalmologica devono essere raggiunti i seguenti obiettivi formativi specifici:

  • Apprendere e applicare i principi dell'accoglienza, dell'assistenza e della riabilitazione.
  • Identificare i bisogni di assistenza delle persone nelle varie età della vita, nei vari ambiti sociali e rispondere ad essi, ed alle loro esigenze utilizzando metodologie di pianificazione per obiettivi.
  • Fornire prestazioni tecniche corrette ed efficaci in applicazione e nel rispetto dei principi scientifici fondamentali ed adattare tali prestazioni alla persona assistita in relazione alle diverse patologie oftalmologiche, ai diverse settori operativi e nelle diverse età.
  • Conoscere ed applicare i principi diagnostico riabilitativi in ambito oftalmologico ed ortottico.
  • Interagire e collaborare con l'equipe nel pianificare e valutare gli interventi educativi e rieducativi e nei programmi finalizzati al miglioramento della qualità dell'assistenza.
  • Organizzare le proprie attività utilizzando correttamente le risorse materiali e strutturali presenti.
  • Identificare la domanda di assistenza e di prevenzione e partecipare con l'equipè multiprofessionale nell'individuazone dei bisogni in ambito oftalmologico nei diversi gruppi sociali e nelle diverse età.
  • Rispondere ai bisogni di prevenzione oftalmologica ed ortottica nel bambino, relativamente alle proprie conoscenze acquisite, applicando i più moderni metodi di diagnosi e riabilitazione.
  • Rispondere ai bisogni di assistenza delle persone ad alta complessità assistenziale.
  • Contribuire all'organizzazione diagnostico riabilitativa attraverso il miglior utilizzo delle risorse a disposizione, assicurando in tal modo un progressivo miglioramento della qualità assistenziale.
  • Valutare la qualità dell'assistenza oftalmologica mediante l'utilizzo di strumenti e metodologie disponibili ai fini di un miglioramento della qualità assistenziale.
  • Interagire e collaborare attivamente con equipe intra ed interprofessionali al fine di gestire e programmare nel miglior modo gli interventi diagnostico riabilitativi multidisciplinari soprattutto nei confronti delle persone ad alta complessità assistenziale.
  • Dimostrare di aver compreso e di essere in grado di applicare, analizzare, sintetizzare le conoscenze relative alla valutazione dell'organizzazione e pianificazione dell'attività ortottica e di assistenza oftalmologica.
  • Conoscere ed applicare i principi che regolano l'utilizzazione della strumentazione diagnostica e riabilitativa in ambito oftalmologico.
  • Conoscere ed applicare i principi che regolano l'assistenza chirurgica oftalmologica sia ambulatoriale che tradizionale.

L'ortottista assistente in oftalmologia, in riferimento alla diagnosi e prescrizione del medico, nell'ambito delle proprie competenze, deve quindi poter elaborare, anche in equipe multidisciplinare, il bilancio ortottico, volto all'individuazione ed al superamento del bisogno di salute del paziente. L'ortottista assistente in oftalmologia pratica autonomamente attività terapeutica per la rieducazione funzionale, utilizzando terapie ortottiche nel trattamento dei disturbi motori e sensoriali della visione binoculare, effettuando tecniche di semeiologia strumentale oftalmologica.

Il raggiungimento delle competenze professionali, nel corso del percorso formativo, si attua attraverso una formazione teorica e pratica.

L'attività di tirocinio professionale viene svolta presso strutture di degenza, day-hospital, ambulatori presso la sede del CdL ed è integrata da altre attività socio-sanitarie presso Strutture pubbliche e private in convenzione con l'Università, per raggiungere la piena padronanza di tutte le necessarie competenze per lo svolgimento delle attività di cui sopra. 

SBOCCHI PROFESSIONALI

  • Ortottisti - assistenti di oftalmologia - (3.2.1.2.4)